12.12.08

Gomorra ai Golden Globe

Ho appena letto questa ansa che riporto pari pari:
"NEW YORK - Gomorra, di Matteo Garrone, fa parte della cinquina del miglior film straniero del 2008 dei Golden Globe.

Come si legge sul sito web del premio, che verrà assegnato all'inizio dell'anno prossimo, i cinque film stranieri prescelti sono, oltre a quello italiano premiato a Cannes: il tedesco Der Baader Meinhof Komplex, lo svedese/danese Maria Larssons Eviga Ogonblick, il francese Il y a longtemps que je t'aime, l'israeliano Waltz with Bashir."

Incrociamo le dita!

22.11.08

TWILIGHT

Ieri sera sono stata al cinema a vedere TWILIGHT. Ero fuori di me dalla felicità, ero decisamente fuori e pensare che avevo detto che non sarei andata a vederlo questo film (tratto da un libro stupendo) e invece l'altro giorno mi è presa una smania tremenda di vederlo, sembravo impazzita.
Allora semi lucidamente posso dire che l'adattamento libro/film non mi ha deluso, ad eccezione della scena della radura, la scena più romantica del libro. A parte questo ed un Edward troppo freddo e morto (ossia quando lui incontra lei inizia a sciogliersi quel gran gelo che ha in se e questo non si vede nel film) e Rosalie è troppo inadatta, Rosalie doveva essere bellissima, beh non è bellissima, è volgare e basta. Non riesco più a dire altro, se solo ripenso a ieri sera rivado fuori di testa.....

16.11.08

Comprate

Come dicevo prima, nonostante l'oroscopo o meglio Fox mi dica di non spendere io ieri ho comprato un paio di scarpe. Anzi chiamarle scarpe è un sacrilegio. Un paio di francesine nere, proprio come le volevo, con i lacci in raso, va beh non sarà proprio raso, è tipo i nastrini delle bomboniere, ma di quel materiale li. E se vogliamo essere precisi non le ho comprate io, ovvero non le ho pagate io, ma mamma, ottimo direi!
Comunque sono nere, lucide, fantastiche e pagate meno del previsto. L'ho messe stamattina e non vedo l'ora di rimetterle.
Ora passiamo a me, prima parlavo delle mie scarpe, lo stato d'animo di questa domenica è riassumibile con questa canzone



Devo dire la verità quando ascolto questa canzone penso anche alla Elly e a Kati perchè tutte e 2 sono nate a novembre. A proposito, sto meditanto di mettere le scarpe nuove alla cena di Kati.....

E vaiiiiiiiiiiiiiiii!

Ho appena sentito l'oroscopo, oroscopo più che positivo: recupero soldi, un si entro il 28 novembre (data da segnare, ma io l'ho già segnata perchè c'è il compleanno della Elly) chissà cosa riguarderà e.....ma che bell'oroscopo finalemente Fox non mi dice più che devo smetterla di spendere!

11.11.08

Alla normalità.

Dopo la sfuriata di ieri sera sono ritornata nei ranghi e stamattina sono addirittura felice. Accidenti ora non mi ricordo più che volevo scrivere.
Ah si.
Oggi l'oroscopo non è il top, se riesco vado a comprare il vestito che ho visto, e ho un altro paio di cose da vedere (no acquisti, più che altro cose a livello organizzativo).

10.11.08

Nemmeno

Nemmeno il pensiero "ho preso lo stipendio, posso fare qualche spesa extra" mi tira su, anzi mi deprima ancora di più.

Veramente

Veramente sono le 10, ancora non riesco a riprendermi, non riesco a pensare, sono più confusa di prima in tema di lavoro, non ho mangiato niente, e ora mi vado ad imbottire di nutella e poi una bella camomilla altrimenti stanotte passo la notte in bianco...sono terrorizzata e confusa e forse nonostante tutto è questa la cosa peggiore. Ho mandato via anche un curriculum per un posto che non mi importa niente

Traumatico

Oggi ho iniziato un nuovo lavoro, decisamente traumatico!

Se.....

Se potessi o dovessi esprimere come mi sento oggi a parole userei di certo una canzone, anzi questa canzone

"Veleno"
"Come gli adesivi che si staccano
Lascio che le cose ora succedano
Quante circostanze si riattivano
Fuori dai circuiti della volontà.
......
Oggi il mio passato mi ricorda che Io non so sfuggirti senza fingere.
....
E sarò cieco, forse libero
Solo nell’alba di un patibolo.
Dentro una storia senza più titolo
Scegliendo un ruolo senza credito
Strappando il fiore più carnivoro
Io cerco il fuoco e mi brucerò.
....
E un’altra volta mi avvicinerò
E un’altra volta mi avvelenerò
Del tuo veleno mi avvelenerò"

Non perchè mi senta velenosa, ma perchè questa canzone mi ricorda
un'amico
una parte di me
una sensazione
un libro (Twilight)
un colore (il viola)

3.11.08

Quello che sto leggendo

Mi manca poco per finire "La solitudine dei numeri primi" così poi da poter iniziare "Breaking dawn", già, non ho resistito e l'ho comprato.
Ebbene io lo odio questo libro (intendento "la solitudine.....") eppure non riesco a staccargli gli occhi di dosso. Potrei benissimo abbandonarlo, smettere di leggerlo e cambiare lettura, ma non ci riesco, è dopottutto così affascinante...
Dei 4 personaggi principali (Mattia, Alice, Denis e Viola) il migliore, il più positivo secondo me è Denis. Mattia e Alice sono strazianti, Viola è insopportabile ed insostenibile, la odi e nello stesso tempo fa pietà.
Ho letto i 2/3 del libro, mi mancano solo 100 pagine dalla fine, delle cose assurde e mentre leggi pensi "ma quanto sono deficenti questi 2" il tutto riferito a Mattia e ad Alice.
E' amore e odio perchè nonostante sia un libro pieno di tristezza non riesci a chiuderlo, a dire "dai sono le 2 di notte continuo domani a leggerlo" e così arrivano le 3 e tu sei ancora incollato li a leggere le loro vicende tristi, la loro incapacità di amare, il desiderio di non vivere, la vita che scorre fuori di loro, una vita di cui non fanno parte......io per ora non ho trovato nessun tema positivo in questo libro, anzi no, quello che di positivo ho percepito è l'energia che questi due protagonisti riescono a sprigionare insieme: da soli sono insignificanti, combinati sono affascinanti.
Ho letto un commento critico ed in un certo senso illuminante pochi giorni fa su questo libro, diceva che le tematiche importanti sono poco approfondite (vero!) a volte banalizzate (vero!) che a volte alcune parti sono troppo improbabili (verissimo!) e allora mi chiedo quale fosse lo scopo dell'autore, ma dopotutto....che-me-ne-importa?
Quello che mi importa è che nonostante tutto non riesco ad alzare gli occhi da questo libro.

30.10.08

Seta di A. Baricco

In realtà dopo aver finito "L'innocenza" di T. Chevalier in preda ad un impulso irrefrenabile di comprare qualcosa sono andata in libreria. Volevo comperare "Il Maestro e Margherita" ma non mi ricordavo l'autore, così visto che il mio budget era limitato, perchè oggi esce "Breaking Dawn" e non posso non comprarlo visto che è un anno che aspetto questo lirbo, sono andata a vedere quanto costava "Seta" di A. Baricco e l'ho comprato.
Ebbene questo libro mi ha ricordato molto "Neve" di M. Fermine, sia perchè entrambe sono ambientatei in Giappone (seta parzialemnte, neve completamente), sia perchè ho trovato gli stili dei due autori molto simili in questi due libri.
Mi è piaciuto molto, sia la storia sia per come è scritto e l'ho letto velocemente, anche perchè è proprio piccolo.
Un libro d'avventura, d'amore, di mistero (beh si un po' ma poco poco) e ben scritto, cosa rara da trovare.

19.10.08

Mamma mia!

Ero partita con l'intenzione di non andare a vedere questo film. Poi Kati mi aveva detto che non le era piaciuto molto, Nicoletta che era troppo bello, ho visto qualche trailer e mi è venuta la curiosità di andare al cinema per poter giudicare di persona. Quindi ieri sera mi sono concessa questo film che mi è piaciuto tantissimo. Molto divertente, anche se la trama non era spettacolare, ma belle le canzoni, bravi gli attori (si forse la ragazzina bionda fa in alcuni punti saltare un po' i nervi, ma pensavo peggio), ho riso, ho pianto (ma soprattutto ho riso)......mi ci voleva proprio questo film!
La trama: "Grecia, 1999. La giovane Sophie ha un sogno: conoscere suo padre e farsi condurre all'altare nell'incantevole isola di Kalokairi. Alla vigilia delle sue nozze con Sky ha scoperto il diario segreto e i segreti del cuore della madre, una figlia dei fiori che praticava il sesso e l'amore ieri, una donna indipendente e piena di vita che gestisce un piccolo hotel sul mare di Afrodite oggi. All'insaputa di Donna, Sophie invita a nozze i suoi potenziali padri: un uomo d'affari, un avventuriero e un banchiere impacciato. Scoperta molto presto la loro presenza sull'isola, Donna li invita "amabilmente" a rimettersi in mare ma niente andrà come previsto. Gli dei in cielo hanno lanciato i dadi e versato amore, tanto amore, nei calici." (fonte mymovies).
Ultima cosa: Meryl Streep assolutamente esplosiva nonostante l'età, direi divina.

Eccomi qui

Ebbene dopo aver abbandonato il mio blog per settimane eccomi di nuovo qui per scrivere. Oggi mi sento proprio ispirata più che altro perchè ieri al cinema ho visto proprio un film carino e non vedevo l'ora di scrivere qualcosa sul blog.
Le cose ultimamente vanno molto bene, oserei dire alla grande, comunque mi sto proprio divertendo cercando di buttare via l'ansia!
Un paio di sabati fa sono andata al Lola con Kati ed Elly, era una vita che non andavo a ballare, mi sono divertita da matti ed ero vestita, come ha ricoradato Kati nel suo blog, stile "woman in red". Non ero completamente in rosso: oltre il vestito avrei voluto mettere le calze rosse, ma mi sembrava troppo eccessivo.
Comunque questo sabato mi sono presa un po' di riposo e sono stata al cinema anche perchè l'influenza era alle porte.
Scrivo un commento sul film visto e poi vado.....penso che andrò all'Auchan a spendere qualche soldino (nonostante l'oroscopo mi continui a dire che non devo spendere, ma quando mai io non faccio di testa mia?)!!!!!!

15.9.08

kirsten dunst

Ultimo lavoro fatto da me, un blent su Kirsten Dunst, molto semplice, ma niente male a mio parere.

Foto estive

Per fare questa polaroid, sempre per un contest, ho utilizzato una foto fatta da me l'anno passato in vacanza, è proprio venuto un bel lavoretto.


Photobucket

Gatti

Questa volta il tema erano "I Gatti", set avatar e firma

gatti

gatti firma

14.9.08

Vita d'altri

Ecco il testo dell'ultima canzone dei Subsonica che ho scoperto. E' di un po' di tempo, anzi album, fa è infatti tratta da "Terrestre". Mi piace si a il testo, che a livello musicale, più li scopro e più mi piaccciono.

Vita d'altri
Un tempo instabile,
un vuoto di marea,
lei resta lì
immobile
dietro la casa che
l’ha vista crescere
senza un perché,
immobile.
Lei sa rimpiangere,
lei sa urlare a voce spenta
e guarda immobile
la vita d’altri che
la rifletterà
come un viaggio a metà.
Luna immobile
E tutto intorno c’è
La sua ostilità,
tutta l’oscurità.

Un tempo instabile,
la sabbia delle idee
che umide non volano.
L’autunno carico
Di vento limpido
La lascerà immobile
Come un qualcosa che
Non è stato mai sfiorato.
Guarda immobile
La vita d’altri che
La rifletterà
Come un viaggio a metà.
Luna immobile
e tutto intorno c’è
la sua ostilità,
tutta l’oscurità.

2.9.08

Pausa....

Non amo Ligabue, ma spesso c'è questa frase di una sua canzone, di cui non ricordo nemmeno il titolo, che mi suona in testa e che adoro....

"Ho messo via un bel pò di cose ma non mi spiego mai il perchè io non riesca a metter via te."

L'eleganza del riccio

Ieri sera ho finito di leggere "l'eleganza del riccio" di B. Muriel.
Preso in biblioteca, per fortuna.
Nonostante alcuni buoni spunti di riflessione, pianti ed altro sono contenta di non averlo acquistato. Nonostante tutto non l'ho sentito mio.

Ho trovato il libro noioso fino alla metà, ho fatto veramente fatica a raggiungere pagina 159, soprattutto nelle parti in cui era Reneè a raccontare. Ho decisamente preferito le parte tratte dal diario di Paloma, forse la sentivo più vicina (?). Sta di fatto che passata la prima metà il libro mi è apparso in alcuni punti proprio piacevole, per poi ricadere verso la fine in un po' di noia: troppi ragionamenti, troppo filosofeggiare. Tutto ciò non fa per me.



A caldo avrei detto "no il libro non mi è piaciuto".
A freddo penso sia stato un libro di passaggio. Beh direte voi "tutti i libri sono di passaggio".
Non è così, almeno per me.
Ci sono libri che ti restano dentro, che entrano a far parte di te. E' strano da spiegare, cosa significa per me libro-di-passaggio, è come se mi avesse lasciato qualcosa di buono e poi se ne fosse andato, quindi non lo giudico, in fondo, in maniera così negativa e soprattutto non posso dire categoricamente "non mi è piaciuto". Sicuramente non l'ho adorato, ho apprezzato alcuni tratti, alcuni capitoli, ma non mi è particolarmente piaciuto.



Ciò dipende però esclusivamente dal mio personale gusto in tema di lettura: non dico sia un cattivo libro, leggendo qua e là ho notato parecchie recensioni positive, quindi è solo una questione di gusti.


Per la trama......ecco il link

23.8.08

Introspezione

Nel mio vagare per internet tra notizie, test, quiz e argomenti seri ho trovato una domanda interessante: è poi così importante l'introspezione?
Ovvero, rigiriamola.
L'introspezione è forse anche un po' negativa?
Ho quasi stravolto la domanda invece che rigirarla. Però sono giunta alla conclusione che come tutte le cose anche troppa introspezione, anche concertrarsi troppo sul proprio sè non è poi così positivo.
Quindi?
Quindi questa sera, dopo aver cercato di dare un taglio positivo a questa giornata che appariva un po' come una ciambella venuta male, vado dritta dritta a letto evitando di pensare, evitando ogni tipo di introspezione che fa rima con un'altra parola che odio.
E domani mattina MARE (tempo permettendo!).

Perchè

Senza chiedersi troppi perchè, una giornata un po' storta capita sempre no? Come stasera in cui ho provato a cucinare i muffins e beh penso di aver sbagliato le dosi!

18.8.08

Le olimpiadi

Ebbene sono arrivate le tanto, da me, attese olimpiadi. Anzi a dir la verità sono quasi finite. Attendo con impazienza domani Cassina alla sbarra sperando che sia capace di regalarci un altro oro ed altre bellissime emozioni. Finora queste olimpiadi mi hanno in parte delusa, speravo di meglio. Anche se la grande Valentina Vezzali, marchigiana come me, ha saputo regalarci un bellissimo oro olimpico, il terzo per lei, un traguardo che pochi hanno raggiunto.

Quelle che hanno saputo regalarmi grandi emozioni in queste olimpiadi sono state tutte donne.

Ero al mare mentre Valentina Vezzali si giocava l'oro. Anzi quando al mare ho acceso la radio la Grambassi e la Trillini si stavano giocando il bronzo. Un colpo al cuore: speravo infatti in un podio azzurro. Semifinale e poi subito finale. Che agitazione, che emozione, che paura di non vincere quasi non riuscivo ad ascoltare la radiocronaca. Soprattutto che paura a quel 5 pari, paura di non vincerla quella medaglia, ma è arrivata ed è stata la medaglia italiana più bella che abbia visto, anzi sentito, a queste olimpiadi. Anche di più di quella della Pellegrini, anche se la Pellegrini ha fatto record del mondo, sarà perchè non l'ho vista in diretta.

La maggior delusione di questi giochi? In una parola gli Uomini! Ebbene si, da Montano, passando per la nazionale di calcio, attraversando i fiorettisti (uomini), passando ancora per Galiazzo, e tutti gli uomini del nuoto. Grandi protagonisti (attesi) che hanno deluso alla grande, almeno me, ammetto, profana di sport. Va beh anche le donne mi hanno delusa, leggasi in particolare pallanuoto femminile, quelle della pallavolo hanno dato invece spettacolo.

Oltre a Cassina comunque attendo le magiche ragazze della ginnastica ritmica a squadre. Dopo la scherma femminile è la specialità che più attendo, visto che l'eliminatoria sarà il 21 agosto.
Comunque per concludere un video e incrociamo le dita per la ginnastica......


Dimenticavo la notizia della serie "ogni tanto la rai fa qualcosa di buono". Su http://www.raisport.rai.it si possono vedere le olimpiadi....ve lo consiglio....

7.8.08

Auguri!!!!

Oggi è il mio compleanno!!!! Non potevo non mettere un post di auguri!!!!!

5.8.08

Incontro d'estate - di T. Capote

Finito proprio ieri sera, ho fatto tardi di proposito per finirlo di leggere.

La Trama:
Grady McNeil è capricciosa e testarda come i suoi diciassette anni. Non ama le regole. Così quando i suoi genitori partono lasciandola sola nel lussuoso appartamento di New York, Grady si sente finalmente libera. Niente la obbliga più a tenere nascosta la sua relazione con Clyde Manzer, giovane veterano di guerra ebreo che lavora come parcheggiatore. Mentre l'estate avanza, calda e afosa, quella che all'inizio era solo un'attrazione fragile e ambigua, diventa un amore forte e profondo che imporrà a Grady scelte decisive per la sua vita di giovane donna. (tratto da IBS).

Ebbene erano mesi che avevo messo gli occhi su questo libro. Qualche giorno fa sono andata in libreria e mi sono detta "Ora è il momento giusto per leggerlo". Così ho aperto il salvadanaio con i miei risparmi e l'ho comprato. Libro intenso, bellissimo. Vorrei rovinare il finale, ma la sorpresa sta proprio lì quindi......beh leggetelo!
Bellissima l'evoluzione dei sentimenti dei personaggi principali, bellissima la storia, l'amore tra i protagonisti, i personaggi tracciati. Non so di che genere di romanzo si tratta, non direi proprio sentimentale, ma non direi nemmeno psicologico, non lo so catalogare. So solo che mi ha fatto piangere in un paio di punti per l'intesità di quanto descritto. So che la protagonista un po' mi ricorda me, nel suo modo d'agire, nel suo modo di pensare, nel suo modo di non decidere. So che è stato migliore di come me l'aspettavo. E so anche che mi piace come scrive Capote.

29.7.08

Mancano pochi giorni

Mancano veramente pochissimi giorni al mio compleanno. E quest'anno ho deciso: niente festeggiamenti. Ora che il fatidico giorno si avvicina, posso dire che è troppo brutto, 25 è un numero troppo brutto e ha il suo peso. Ora lo sento. Vi prego fermate il tempo. 25, sono più verso i 30 che verso i 20.....una tragedia!
Forse per questo compleanno ce la farò ad avere il cellulare nuovo. Mia madre mi ha detto che me lo regala lei, ovvero me lo paga tutto lei, ma ci credo poco. Già oggi ho dovuto pagare i biglietti della Tosca del 10 agosto e non so se rivedrò i soldi. A proposito, mi sono ricordata che ho un debito di 7 euro in giro!!!
Già oggi ho acquistato i biglietti per andare a vedere la Tosca. Veramente preferivo la Carmen, ma era tutto esaurito. Beh c'erano rimasti i biglietti da 132 euro a testa e diciamocelo, non era proprio il caso!
Altro problema, se così si può definire: cosa mi faccio regalare da mio fratello, sempre che si ricordi di farmi il regalo? Non volevo dirgli "va da feltrinelli, il titolo è ........ e ricordati la carta che devo arrivare a 100 punti per avere lo sconto di 30 euro" accidenti anche a me piacciono le sorprese!

23.7.08

BuOnA nOtTe

Spremo la mia mente.
Non so che scrivere.
Vado a dormire.
E leggo un po'.
'Notte a tutti.........sogni d'oro ovunque siate, con chiunque siate.


ps Dicono che "la notte porta consiglio", beh allora notte muoviti, datti da fare, sii utile e produci qualche buon consiglio!

14.7.08

Jimmy

Questa è con il mio cane jimmy!!!!!
Io la trovo molto spiritosa....

La piccola biblioteca

Ecco l'ultimo lavoro fatto per un contest......Secondo me è venuto benissimo.
Sono 5 targhette su 5 libri, solo in 1 non sono riuscita a trovare una citazione che mi piacesse.

neve

twilight

violino nero

martha quest

il giardino segreto

10.7.08

Se...

Se solo riuscissi a fare un po' d'ordine,
Se solo riuscissi a mettere per iscritto tutto quello che ho in testa,
Se solo riuscissi.....
Quante idee ho in testa in questi giorni,
idee non pensieri....
e che giornate strane....

3.7.08

Le avventure di Oliver Twist

Mi stavo emozionando già solo scrivendo il titolo. Ebbene si, ho terminato queste 520 pagine, penso sia il libro più grande, in termini di pagine, che abbia letto finora. Iniziato di leggere 1 o 2 anni fa ero ferma a pagina 320, me ne mancavano esattamente 200, mi sono fatta coraggio e l'ho finito. E' scritto molto bene, non è questo il motivo per cui ho impiegato così tanto tempo a finirlo, è anche un libro molto interessante, una trama bellissima, però è enorme e arrivata a metà mi sono detta "ma quando finisce?", mi aveva un po' stancata. Riprendendolo tra le mani quello che mi ha ancora più stupito è il modo di scrivere di questo autore, ha un qualcosa che mi piace veramente. E poi Londra.....ah la Londra del 1800 ha un suo fascino su di me.

Il libro narra la storia di Oliver, un piccolo orfano, della sua vita in orfanotrofio, dei soprusi lì subiti e presso il sig. Sowerberry, suo primo "datore di lavoro", della sua fuga a Londra. Segue la lunga avventura di Oliver a Londra, tra malfattori, che cercheranno di portare l'ingenuo e dolce bambino sulla cattiva strada e tra vecchi amici, condotti dalla provvidenza a riportarlo sulla retta via per donargli un'esistenza dignitosa e piena di affetti. Un libro avventuroso, pieno di intrighi, misteri, che offre un quadro dettagliato e completo della Londra di quel periodo, non solo riguardo le classi più agiate ma anche attraverso una attenta descrizione e narrazione degli ambienti più poveri ed insani della città. Tanti i personaggi che intervengono, alcuni veramente bellissimi come Fagin, come si può dimenticare il vecchio ebreo capo della banda di furfanti nella quale tentano di fare entrare Oliver, oppure Nancy, che è il mio personaggio preferito, questa ragazza di malaffare che alla fine rischia e dà la vita per salvare un'innocente dimostrando che nonostante si possano subire tante angherie e soprusi ciò che di buono c'è nel nostro cuore lì rimane, oppure Monks, personaggio enigmatico, forse un po' terrificante, sicuramente lugubre che mi ha subito colpita.

Erano anni che desideravo leggere questo libro ed averlo letto è per me un grande traguardo. E' un bel libro, anche se lungo, consigliarlo o meno non saprei, è molto lungo quindi se non si ha pazienza meglio lasciar perdere, però il libro offre personaggi indimenticabili, spunti di riflessione, temi direi profondi e una Londra, a mio avviso, fantastica.

Da tale libro sono stati tratti diversi film, da ultimo il film diretto da Roman Polanski. Bello come film, soprattuto Fagin: beh è il Fagin che mi sono sempre immaginata! Peccato che per esigenze di tempo/copione sia stato escluso il personaggio di Monks che secondo me è molto interessante.

2.7.08

Verde

Ho fatto un set di icons per una sfida grafica...
Il tema? Anche questa volta un colore: il verde.
(per esigenze di blog qui l'ho dovuta rimpicciolire)


Viola

Lavoretto notturno, a mio parere bellissimo

icons

il tema? Beh il Viola

28.6.08

Sabato

Visto il tempo pessimo oggi andrò a fare un giretto per negozi dato che mi sono messa in testa di ricomprarmi il cellulare. Più che uno sfizio è una necessità: il mio vecchio cellulare grida vendetta, infatti non funziona più la vibrazione, forse perchè sabato l'ho portato al mare e ha preso un po' di acqua e sabbia, e ogni tanto si spegne improvvisamente. Volevo tenerlo in vita fino al mio compleanno in modo da farmelo regalare dai miei, ma non penso che riuscirò a tenerlo in vita così tanto!!!

Sogni risplendono (2)



Sogni risplendono
Linea 77 feat Tiziano Ferro

Sogni risplendono (1)


E non ho più ombre da uccidere
E non ho più forza per restare qui
Sa di lucidità e di insana fobia,
come aria invisibile
confondo tutto

E’ solo rabbia che non ha più via di fuga
E all’improvviso poi mi accorgo che non ha più senso rifugiarsi dentro un’ombra che da noia
E non ci provi più, tu non esisti più.

Vorrei sentire la tua voce gridare, tentare, sbagliare
Non sopporto più di vederti morire ogni giorno, innocuo e banale.

20.6.08

Estasi

Voglio assolutamente riportare una cosa che mi ha scritto una mia amica. L'ho letta e mi è piaciuta tantissimo, devo proprio metterla

Estasi
E'
Stare
Timidamente
Ammutoliti
Sull'
Immensità

E' proprio bellissima....mi ha lasciata senza fiato....

Riflessioni

Stanotte ho sognato che ricamavo, facevo un po' di punto croce. Chissà che significato ha? Comunque questo c'entra poco con la riflessione che volevo fare in questo ritaglio di tempo. Tempo ne ho poco, quindi cerco di essere sintetica. Se dovessi dare un nome a questi giorni direi solitudine. Non perchè io mi senta sola, tutt'altro ultimamente non mi sento per niente sola. Nell'ultima settimana ho pensato molto alla solitudine a quanto sia difficile cavarsela da soli, a quanta gente intorno a me è sola. Ho questo pensiero fisso da un po' di giorni.
Facciamo un passo indietro. Mio grande sogno è andare a vivere da sola, si proprio da sola. Ma pensavo, ok, mettiamo che ci riuscissi, come sarebbe tornare a casa la sera e sentirla vuota, senza nessuno. Forse i primi periodi sarebbe fantastico, ma andando avanti lo sarebbe ancora? Non subentrerebbe quella sensazione di solitudine?
Facciamo ora un salto. Si può essere soli anche in mezzo ad altra gente, anche quando non si è fisicamente soli? Mi sto praticamente riferendo ad una sensazione di solitudine latente.
Domande inutili potrebbe pensare qualcuno. Beh si forse sono cose che non mi toccano da vicino, ma ciò non toglie che ogni tanto mi attraversino la mente e se sia utile o meno pensarci poco mi importa. Tutto nasce dal mio pensar troppo, ma come si può mettere un freno alla propria mente? Stai li in un momento di silenzio e via la mente inizia a correre libera, si affolla di idee, pensieri, riflessioni, domande senza pretesa di avere risposte, senza aspettative, come nuvole rapide che attraversano il cielo sereno della mente. Passano, scivolano e velocemente come sono arrivate se ne vanno.

19.6.08

Scomparire

Ho voglia di scrivere. Oggi ho voglia di scrivere, scriverei pagine intere sul mio diario, mentre mille pensieri attraversano la mia mente, finchè tutto d'improvviso non scompare.

15.6.08

La cena

Dopo mesi di dieta, si mesi di dieta, stasera mi sono concessa una cena a base di schifezze: happy meal (boh si scrive così?) con patatine, tost e cocacola. Il tutto mangiato davanti alla tv con mio fratello guardando gli europei. In poche parole? Il massimo, troppo bello!

Disintossicando

Direi che mi sto disintossicando da un libro. Esatto disintossicando. Non scherzo.
Di uno di quei libri scritti male da far paura, ma che riescono a far scattare qualcosa in te. Qualcosa che crea dipendenza. Dipendente da un libro? Ebbene si. Della serie che fai le 3 di notte per leggerlo, che rileggi mille volte il tuo passo preferito. E quando finisci questi genere di libri è una tragedia. Tragedia perchè ne vorresti ancora, come se avessi fame, e la fame non smette. Ne vuoi ancora, ma è finito. Finito, chiuso e cosa resta da fare? Beh iniziare un altro libro di tenore completamente diverso per disintossicarsi da un libro scritto in un modo orribile che ti ha drogato. Quindi cosa c'è di megli di Oliver Twist per disintossicarsi? E' un anno che tento di finirlo. Mi mancano solo 200 pagine.

Colazione da Tiffany

Se mi dite Colazione da Tiffany (il libro), vi dico
Schettinare
Rigasoli
Bioccoli
Fregola
sono le parole che ho trovato in questo libro di cui non so il significato, perciò me le sono andate a cercare sul vocabolario.
E come altra cosa mi viene in mente la frase della pagina che ho fotocopiato al lavoro:
"Non un'onestà di tipo legale, ma un'onestà nei confronti di se stessi. Sii quello che vuoi ma non un vigliacco, un fanfarone, un ladro di emozioni, una sgualdrina; preferirei avere il cancro piuttosto che un cuore disonesto. Il che non significa essere pii. Semplicemente pratici. Il canco può stenderti, ma quell'altra cosa ti stende di sicuro."
Non mi va di raccontare del libro. E' uguale al film, quindi se avete visto il film sapete di che parla. Il libro è bellissimo e scorre che è una bellezza. Bellissimo. Nessun altra parola può descriverlo meglio.
Dico solo che mi piace come scrive T. Capote, leggerò sicuramente altro di lui.
Dimenticavo.....se mi dite "colazione da tiffany" vi dico Rosa. Questo libro mi fa pensare al rosa, non so perchè.

6.6.08

Sondaggio

Oggi mi è capitato di vedere su internet una cosa che devo assolutamente segnalare. Dire che mi ha scolvolta è esagerato, però non credevo ai miei occhi, della serie "mi sono messa a ridere per non piangere".
Il riquadro diceva
SONDAGGIO - Delitto Garlasco: chi è il colpevole?
e di seguito c'erano le 3 opzioni, come se si trattasse di un gioco, di un quiz dimenticandosi che una persona in realtà è morta.
Non c'è più rispetto per niente e nessuno.

3.6.08

E' da parecchio tempo che non scrivo sul blog. Mancanza di ispirazione? Anche, ma non solo. Più che altro mancanza di voglia.

22.5.08

Nei nostri luoghi

Stamattina mentre ero sull'autobus mi è venuta in mente questa canzone. E' da prima che mi ronza in testa, che suona nella mia testa. Che canzone? Nei nostri luoghi. Penso sia la canzone più malinconica dell'ultimo album dei Subsonica, o almeno per me è così. Una di quelle canzoni che le prime volte che le senti ti fanno piangere (a me solo ultimamente dopo 2000 volte che l'ho ascoltata ha smesso di avere l'effetto lacrimogeno).
Riporto il testo.....se avete l'occasione ascoltatela....

Le serrande chiuse dal tempo e noi
Nei tuoi occhi i gesti nascosti e poi.
Rami secchi e dietro i cancelli noi
L’innocenza è chiudere gli occhi e poi.

Dammi un po’ di te
La parte più dolce
Prendi un po’ di me
Respira più forte.

Facevamo un gioco da grandi noi.
Giocavamo a prendere il vento e poi.

Forse non lo sai che quei giorni non tornano più
Tornerà a cercarti ancora lì
Mentre insegui sogni che oggi non bastano più
Nei nostri luoghi e nei ricordi.

Quei segreti chiusi d’inverno e poi
Le paure, il tempo là fuori e noi.

Dammi un po' di te,la parte più dolce,
prendi un po' di me,respira più forte
Che viviamo un giorno da grandi noi.
Sapevamo prendere il vento e poi.

Forse non lo sai che quei giorni non tornano più
tornerà a cercarti ancora lì
mentre insegui i sogni che oggi non bastano più
nei nostri luoghi e nei ricordi

Mentre incolli quelle immagini
Mentre cerchi sogni che oggi non nascono più
Nei nostri luoghi e nei ricordi.

20.5.08

Il Labirinto del tempo

La vita è un labirinto inestricabile, e ogni creatura, persa nella solitudine, erra in silenzio alla ricerca di una qualche via di fuga dal tragico destino della propria esistenza. Solo i legami dell'amicizia e dell'amore che intesse con gli altri vagabondi del medesimo labirinto gli danno il coraggio di continuare a cercare, di avenzare ogni giorno....Ma egli sa che anche gli altri sono in cerca dell'uscita, e sente il dovere di star loro accanto nella ricerca. Poichè egli, per sua sfortuna, è convinto che ve ne sia una.

La fede e la volontà sollevano le montagne.

Questi i pensieri più rilevanti, quelli che ho sottolineato in "Il labirinto del Tempo" ultimo libro letto, dell'autore di Neve ovvero M. Fermine.
Che belli i paesaggi descritti da lui. E' uno dei pochi che sa descrivere senza annoiare. Almeno per me è così. Nonostante ciò in alcuni tratti il libro perde di tono. Diciamo che sono soddisfatta, ma non completamente.

11.5.08

Al volo

E come diceva il film che ho visto ieri sera "Ogni tanto bisogna potare i rami secchi".
Pensierino veloce veloce.

7.5.08

Novecento

Novecento non è semplicemente un numero.
E', in questo caso, il titolo di un libro di Alessandro Baricco.
E' il titolo dell'ultimo libro che ho letto.

La trama.
Il Virginian era un piroscafo che negli anni prima della 2° guerra mondiale faceva da spola tra Europa ed America. All'interno di tale piroscafo si esibiva un pianista straordinario, capace di meravigliare ed affascinare tutti con la sua musica.
Il nome di questo pianista era Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento.
Nato, cresciuto e morto all'interno del Virginian, solo la sua musica e la sua fama erano scese a terra, lui, al contrario, non aveva mai messo piede sulla terraferma.

50 pagine. Un libro piccolissimo, l'edizione che ho conta 50 pagine esatte, intense e ben scritte. Vale la pena spendere un post per 50 pagine di racconto? Decisamente SI.
E' uno dei due libri presi in biblioteca e tra domani e venerdì conto di restituirlo.
L'ho letto in due giorni, prevalentemente in autobus, solo il finale l'ho letto a casa e per fortuna perchè è molto commovente. Al contrario l'inizio o meglio quasi tutto il testo è molto spiritoso. Quando dico spiritoso non intendo dire che si tratta di un libro comico, dico solo che ci sono passi che fanno sorridere, che mettono allegria, dite come vi pare, di sicuro non è un libro pesante, anche se molto profondo (nel senso di intenso).
Che dire, da consigliare.

Da questo libro è stato tratto anche un film "la leggenda del pianista sull'oceano". Il film è estremamente fedele al libro. Di solito non consiglio di leggere il libro e vedere il film, ma forse questo è l'unico caso in cui meritano entrambe le cose

6.5.08

Mr Magorium's Wonder Emporium

ovvero Mr Magorium e la bottega delle meraviglie. Proprio un buon film. Mi è piaciuto moltissimo, è uno degli ultimi film che ho visto che più ho apprezzato e gustato. Complice anche il momento in cui l'ho visto: è stato il film giusto arrivato (o visto) al momento giusto.

Dopo 243 anni di onorata attività, Mr Magorium decide che è arrivato il momento dell'eterno riposo. Ma nè la giovane Molly Mahoney, che si occupa del magico emporio designata, nè il suo magico negozio sono d'accordo con questa decisione. A tutte queste difficoltà si aggiunge Henry, contabile immerso a tempo pieno nel far quadrare i conti di 200 anni di attività della bottega.

Ma niente farà tornare Mr Magorium sulla sua decisione e lascerà il negozio a Molly la quale, con un po' di fidicia in sè stessa, l'aiuto di un nuovo amico, ed un pizzico di magia riuscità a far tornare la vita nel magico negozio.


Quando il film è finito mi sono detta "ma come, di già finito?".

Un cast niente male. Dustin Hoffman veste i panni dell'eccentrico Mr Magorium, un ruolo insolito per lui, forse per questo ancora più comico. Natalie Portman è miss Mahoney...che dire è una delle mie attrici preferite. E' così naturale, solare, proprio un bel personaggio il suo e bravissima ad interpretarlo, sembrava fatto su misura per lei.

Decisamente un bel film da vedere. Voto 8 +

Happily n'ever after

Chiamatemelo come vi pare ma non con il titoli italiano tradotto in "Cenerentola e gli 007 nani" perchè il titolo c'entra poco con il film. Si Cenerentola è la protagonista, i nani ci sono, ma hanno un ruolo marginalissimo, appaiono solo per 5 minuti. Mi chiedo quando traducono i titoli dall'inglese all'italiano con che criterio lo fanno? Perchè trasformare Happily n'ever after che possiamo tradurre "con nessun lieto fine"........ok lo so che il mio inglese fa schifo, ma meglio la mia traduzione arrangiata che il titolo dato in italiano. Immagino il titolo sia stato scelto per rendere accattivante il film, per spingere i bambini a farsi portare al cinema a vedere il film, comunque se non conosci il titolo in inglese pensi di andare a vedere un film in cui i protagonisti sono Cenerentola (versione eroina) e i 7 nani.....completamente sballato.
Beh si Cenerentola non è proprio la rammollita della favola originaria, ma non è neanche 'sta grande eroina, diciamo che comunque alla fine si sveglia (perchè se aspettava il principe azzurro che veniva a salvarla faceva in tempo a morire).
I 7 nani, appaiono per 5 minuti.


Approfittando del grande mago che mantiene l'equilibrio nelle favole (ovvero che fa in modo che ogni favola abbia un lieto fine) la matrigna di Cenerentola prende il potere rubando lo scettro magico agli assistenti del mago. Tutto questo durante il ballo che si svolge nella favola di Cenerentola. La matrigna caccia il principe azzurro dal castello e ne fa il suo quartier generale. Cenerentola disperata parte alla ricerca del principe azzurro ovvero colui che salverà il regno dalla strega cattiva. In realtà il principe azzurro è un rammollito e a salvare il regno con Cenerentola ci pensa uno sguattero (non azzurro) più bello e sveglio del principe...........il finale.....pensate "...e vissero tutti felici e contenti"? Beh vi sbagliate....


Il film finisce comunque bene, dopotutto è un film cartoni per bambini. E' molto carino, speravo in una Cenerentola un po' più sveglia e un po' più eroina. Troppo spassoso il principe azzurro.
Da vedere senza aspettative nè impegno, giusto per passare un po' di ore in tranquillità e liberare la testa dai pensieri.

Voto 6.50/7

5.5.08

Se fossi....

L'avevo fatto un po' di tempo fa sul forum. Ora lo metto anche qui, ho cambiato solo 3 cose.
Se fossi un mese : Luglio
Se fossi un giorno della settimana: Domenica
Se fossi un orario del giorno: Mezzogiorno
Se fossi un pianeta: Mercurio
Se fossi un animale: Farfalla
Se fossi una direzione: sud-est
Se fossi un articolo di arredamento: Scrittoio
Se fossi un peccato: Ira
Se fossi un personaggio storico: Mata Hari (è nata come me il 7/8)
Se fossi una bevanda: Caffè
Se fossi un albero: Ciliegio
Se fossi un fiore: Girasole
Se fossi un evento atmosferico: Pioggia
Se fossi uno strumento: Pianoforte
se fossi un colore: Rosso
se fossi un film: Orgoglio e pregiudizio
se fossi un'emozione: la rabbia
se fossi un elemento (senza apostrofo): Fuoco
se fossi una macchina: Seicento Rossa
se fossi una canzone: Strade
se fossi un libro: Martha Quest
se fossi un cibo: Cioccolata
se fossi una città: Venezia
se fossi un sapore: Dolce
se fossi una parola: Eccessiva
se fossi un oggetto: una poltrona
se fossi una parte del corpo: le gambe
se fossi un 'espressione facciale: Perplessità
se fossi una materia scolastica: Storia
se fossi un cartone animato: Occhi di gatto
se fossi una forma geometrica: Un cerchio
se fossi un numero: 7
se fossi una pietra: Un rubino rosso

30.4.08

La mia giornata

Eroe. Questa canzone l'ho sentita per la prima volta stamattina. E' la canzone con cui ho aperto la giornata e a cui ho pensato tutto il giorno....
Metto video ed il testo della canzone.




Piacere, Luigi delle Bicocche
Sotto il sole faccio il muratore e mi spacco le nocche.
Da giovane il mio mito era l’attore Dennis Hopper
Che in Easy Rider girava il mondo a bordo di un chopper
Invece io passo la notte in un bar karaoke,
se vuoi mi trovi lì, tentato dal videopoker
ma il conto langue e quella macchina vuole il mio sangue
un soggetto perfetto per Bram Stroker
Tu che ne sai della vita degli operai
Io stringo sulle spese e goodbye macellai
Non ho salvadanai, da sceicco del Dubai
E mi verrebbe da devolvere l’otto per mille a SNAI
Io sono pane per gli usurai ma li respingo
Non faccio l’Al Pacino, non mi faccio di pachinko
Non gratto, non vinco, non trinco nelle sale bingo
Man mano mi convinco che io

sono un eroe, perché lotto tutte le ore. Sono un eroe perché combatto per la pensione
sono un eroe perché proteggo i miei cari dalle mani dei sicari dei cravattari
sono un eroe perché sopravvivo al mestiere. Sono un eroe straordinario tutte le sere
sono un eroe e te lo faccio vedere. Ti mostrerò cosa so fare col mio super potere

Stipendio dimezzato o vengo licenziato
a qualunque età io sono già fuori mercato
fossi un ex SS novantatreenne lavorerei nello studio del mio avvocato
invece torno a casa distrutto la sera, bocca impastata
come calcestruzzo in una betoniera
io sono al verde vado in bianco ed il mio conto è in rosso
quindi posso rimanere fedele alla mia bandiera
su, vai, a vedere nella galera, quanti precari, sono passati a malaffari
quando t’affami ti fai nemici vari, se non ti chiami Savoia, scorda i domiciliari
finisci nelle mani di strozzini, ti cibi di ciò che trovi se ti ostini a frugare cestini
né l’Uomo ragno, né Rocky, né Rambo né affini
farebbero ciò che faccio per i miei bambini, io sono un eroe

Per far denaro ci sono più modi, potrei darmi alle frodi
e fottermi i soldi dei morti come un banchiere a Lodi
c’è chi ha mollato il conservatorio per Montecitorio
lì i pianisti sono più pagati di Adrien Brody
io vado avanti e mi si offusca la mente
sto per impazzire come dentro un call center
vivo nella camera 237 ma non farò la mia famiglia a fette perché sono un eroe.

29.4.08

Posta

Nemmeno io riesco a capire come ho fatto. Ieri al lavoro mi ritorna indietro una raccomandata spedita a Catania. Allora vado a controllare l'indirizzo. La via era giusta, ma la città......beh mi chiedo come ho fatto a scrivere Catania invece che Recanati, due località distanti tra loro, nomi diversi ed inconfondibili.....solo io riesco a fare certi numeri.

25.4.08

La biblioteca

Mercoledì mi sono decisa, complice Francesca che aveva disdetto il nostro caffè insieme, e sono andata alla biblioteca comunale. Era un po' che ci pensavo, visto che i libri non costano così poco, volevo provare a prendere in prestito qualcosa giusto per risparmiare.

Al solito ero agitatissima e piena di 1.000 paranoie come mio solito, se ci aggiungiamo in più un'impiegata antipaticissima, maleducata e acida peggio di me il gioco è fatto: ero piena d'ansia.
Dopo il primo impatto tragico prendo la mia bella lista di libri, tutta soddisfatta per il coraggio trovato, e inizio a cercare quello che mi interessava...........delusione assoluta: ho trovato solo 2 libri.

Da considere che tra i libri che ricercavo uno non sono riuscito a prenderlo perchè il tizio che l'aveva preso ce l'aveva da più di un anno, l'antipatica mi ha detto che stavano facendo i controlli in quei giorni, ma scusate possibile che mensilmente o almeno trimestralmente non controllate se i libri sono tutti rientrati? cosa avranno da fare di così importante da non riuscire a fare questi benedetti controlli? possibile che non possono riempire di telefonate un tipo che è più di un anno che ha un libro? C'era scritto data prevista per la restituzione 23/1/2007, io ero scioccata, l'ho dovuta rileggere più di una volta, non ci credevo.....che inefficienza e che maleducazione! Posso capire se ritardi la riconsegna di un libro di un mese, 2 mesi, te ne passo anche 3 ma un anno!!!!!!!!!!!!

Praticamente abbiamo una biblioteca poco fornita, cosa che si aggiunge alla lista di cose negative della mia città.

Quindi ho capito che se voglio leggere tocca mettere mano al portafoglio (o al bancomat come nel mio caso) e passare da Feltrinelli. Non pienamente soddisfatta del giro sono andata a fare acquisti, o meglio ho acquistato un paio di libri su internet risparmiando 4€, che oggettivamente non è moltissimo, ma a me sembrava una fortuna.

21.4.08

Opportunità

Pensieri di una notte insonne.
Opportunità avute.
Opportunità perse.
Le prime le vedo.
Sono quelle che hanno fatto andare
la mia vita in una direzione che
non mi aspettavo,
che non sognavo.

Avrei bisogno/voglia di far luce sul passato o meglio ricordare il mio passato, ricordare cosa sognavo di fare da piccola, ricordare quale è stato il punto di rottura, quando è stato.........ok, ma come si fa a ricordare? Perchè io non mi ricordo niente, c'è solo il vuoto.

Tutto di Domenica

Della serie "perchè-capitano-tutte-di-domenica". Ieri mentre mettevo sul fuoco l'acqua per la pasta mi ritrovo a urlare al mio cane, tutto intento a rincorrere un uccellino con la chiara intenzione di farci pranzo (alla Titti e Silvestro). Quello che non avevo capito era che quell'uccellino non era uno tra i tanti che passano per il mio balcone bensì il mio canarino, quello che doveva stare dentro la gabbia. Quando me ne sono accorta? Dopo un po' e quando ho realizzato che era il mio ho subito chiamato mio fratello (anzi mi sono messa a urlare per il panico)per prenderlo e rimetterlo nella gabbietta. Tutto è bene quel che finisce bene, infatti il canarino l'abbiamo rimesso nella gabbia, peccato che per l'ansia e la tensione non sono riuscita a pranzare. Il grande mistero è come sia riuscito a scappare visto che la gabbia era praticamente sigillata.....mistero irrisolto.....

15.4.08

Un Bacio Romantico

Sabato sera cinema. Sono andata a vedere "Un bacio romantico", film con Jude Law, Norah Jones, Natalie Portman, Rachel Weisz.
Non è un tradizionale film d'amore. Io mi aspettavo più una delle solite storie d'amore, invece è abbastanza particolare.
Mi è piaciuto nonostante il primo quarto d'ora terribile in cui non ci stavo capendo più niente, pensavo di aver sbagliato film , un inizio noioso, lento, troppo lento. Poi però il film prende vita quando la protagonista decide di partire per lasciarsi il passato alle spalle, per dimenticare chi amava, per crescere sostanzialmente.
Nonostante Jude Law sia tra gli attori che meno mi piacciono non l'ho trovato per niente male. Stupendo il pezzo in cui la protagonista incontra una giocatrice di poker interpretata da Natalie Portman, veramente brava, da considerare che è tra le mie attrici preferite.
Un film da vedere insomma.

7.4.08

Semplicemente

Persone che si incontrano, che si scontrano, che restano poco, che restano un attimo ma che ti danno tanto, che ti possono sconvolgere. A volte basta uno sguardo, una parole, un sussurro e tutto cambia, e si scatena una tempesta, dentro.
Capire di aver fatto la cosa giusta, almeno per una volta ho la certezza di aver fatto la cosa giusta, la certezza che anche se in apparenza non sembrava la cosa giusta alla fine lo è stato e direi che il risultato è stato meglio del previsto.
Meglio così.....

31.3.08

Persuasione/Orgoglio e Pregiudizio

Poche brevi righe su questo libro che non ho ancora finito di leggere. Dopo un inizio un po' ostico il libro scorre bene, sono arrivata quasi ai 2/3 e spero di finirlo preso perchè voglio assolutamente iniziare e comprare "La freccia nera". All'inizio leggendolo l'entusiasmo iniziale che me l'aveva fatto comprare stava svanendo, al contrario di "Orgoglio e Pregiudizio" è molto lento all'inizio e scorrevole dopo la prima parte in cui vengono tracciati e descritti i personaggi, i luoghi, le abitudini.
Molto differente la storia d'amore tra Elizabeth/Mr Darcy e Anne/capitano Wentworth anche se il tema/l'ostacolo della differenza sociale emerge sempre. In questo caso è il capitano Wentworth a non essere degno di Anne, in orgoglio e pregiudizio è Elizabeth a non essere degna di Mr. Darcy ciò sempre secondo le convenzioni sociali. Ora anche se Elizabeth Bennet è la mia eroina preferita, si, diaciamo che mi piacerebbe essere così sicura come lei, penso di essere più vicina ad Anne Elliot come carattere o meglio come modo di vedere/vivere i sentimenti, se non altro per alcuni modi di pensare (nonostante questo romanzo sia stato scritto quasi 200 anni fa, trovo affascinante ritrovarsi in un libro così vecchio). Più proseguo con la lettura e più rivaluto Miss Elliot ed il capitano, che non è attraente come Mr Darcy ma, non so, mi inizia a piacere sempre di più.

Tartufo

E giovedì sono anche andata a teatro a vedere Tartufo di Moliere. Bello, ma non eccezionale, non sono rimasta soddisfatta. Sarà anche perchè davanti a me avevo dei maleducati che non facevano altro che parlare (cioè dico se vieni a teatro per fare conversazione che ci vieni a fare, stattene a casa o fatti un giro da qualche parte!!!).
La storia parla di questo Tartufo, impostore ed imbroglione, che riesce, grazie a mille artifizi, nelle grazie di un ricco borghese ammaliandolo a tal punto da farsi nominare come unico erede dell'uomo, convincerlo a farsi dare in moglie la figlia, cacciare di casa il figlio che cercava in ogni modo di aprire gli occhi al padre. Ma grazie all'audacia, alla furbizia della moglie del ricco signore Tartufo viene smascherato e con un po' di fortuna tutto torna alla normalità.
Ciò che meno mi ha soddisfatta è stato proprio l'attore che impersonava Tartufo, poco espressivo, troppo noioso a mio parere.
Poco tempo fa ho visto un film (commedia) in parte ispirato a questa commedia intitolato "Le avventure galanti del giovane Moliere" film veramente molto carino, film non americano, francese mi sembra, veramente bello. Volevo vederlo al cinema ma avendolo perso ho rimediato vedendolo sotto natale.

Tutto può succedere

E' da un po' che non scrivo nel blog, ho avuto poco tempo e l'ho un po' trascurato. Ma ora mi ritaglio 5 minuti per scrivere alcune cosette....
Che c'entra il titolo? E' solo il nome di un film che ho visto in settimana.
Un film, anzi una commedia, veramente molto carina, mi è piaciuta molto e la consiglio vivamente.
Protagonisti sono Harry Sanborn (Jack Nicholson), playboy impenitente, che adora le donne più giovani di lui, per la precisione tutte le donne sotto i 30 anni. Poi c'è Erica (Diane Keaton), scrittrice di successo, madre dell'ultima conquista di Harry, Marin (Amanda Peet). I due si incontrano casualmente a casa di quest'ultima e tra equivoci, incidenti, disavventure Harry si innamora di Erica, ma deve fare i conti col suo giovane ed attraente dottore (Keanu Reeves), anch’egli invaghito della bella signora.
Cast eccezionale, commedia romantica molto divertente e un po' diversa dal solito non tanto per la trama quanto per l'eta dei protagonisti. E' un film sull'amore, sull'amore senza età.

23.3.08

La ragione

Mai chiesti perchè si incontra qualcuno? Spesso. Ora questa riflessione è partita leggendo uno scritto sul forum. Sono sempre dell'idea che niente accade per caso, così come dell'idea che tutte le parsone che incontriamo nella nostra vita non sono entrate nella nostra esistenza per caso; come dicevo oggi con Katia a volte noi non riusciamo ad individuarlo questo motivo ma c'è. Gli incontri non sono casuali, mai. Quante volte mi è capitato di incontrare casualmente un'amica. A posteriori riesco a vedere che magari in quel momento avevo proprio bisogno di lei e ecco che per caso l'ho incontrata. C'è chi lo chiama destino, chi fato, chi coincidenza, chi........Io penso che sia un dono che Dio ci fa. Ogni persona che passa nella nostra vita lascia un segno. Come appunto leggevo in questo scritto c'è chi passa per poco, chi si ferma per molto, ma ognuno lascia un segno, e ognuno di noi lascia un segno nella vita degli altri, un segno non casuale, un segno che rappresenta un dono. La cosa interessante è capire il motivo, il filo conduttore, il perchè.....Cosa voglio dire con il mio scritto? Niente di più di quello che ho detto, c'è chi li chiameremme pensieri o riflessioni sconclusionate, c'è chi lo chiamerebbe delirio notturno, per me sono semplicemente i miei pensieri, lineari, forse non così leggeri.

Volevo fare qualche cambiamento sul blog (del tipo cambiare template, cabiare qualche componente, qualche colore) ma non ho traovato niente di sostanziale che mi soddisfatta, quindi sono riuscita solo a fare piccolissime modifiche.

E' tardi, vado a recuperare Morfeo....

16.3.08

Angoli di cielo

Questo l'ho appena finito.....il testo è un pezzo della canzone "angoli di cielo" dei Tiromancino....oggi sono ispirata.......

Photobucket

14.3.08

Alle mie amiche

Così, di getto, un grazie alle mie amiche, che riescono a farmi tornare il buon umore, che riescono a farmi ritornare il sorriso......

13.3.08

Il balletto

Ieri sera sono stata a teatro a vedere un balletto: "Le presbytère". Avevo visto le locandine in giro per puro caso sabato, ho comprato i biglietti all'ultimo momento e senza sapere quale fosse il tema del balletto. Ed è stato bellissimo, mi è piaciuto proprio molto. Le musiche stupende (musiche dei Queen e un paio di pezzi di Mozart), stupenda "the show must go on" come canzone finale, praticamente perfetta. Belle le coreografia, i colori, l'atmosfera, la scenografia bianca (va beh il bianco è uno dei colori che preferisco), belli i costumi.....sono proprio rimasta affascinata e sicuramente soddisfatta. Il tutto è durato quasi due ore e sono volate....bellissimo.

12.3.08

San Remo 2008

Quest'anno non ho visto San Remo, nè avevo ascoltato nessuna canzone, fino a ieri. Tra le canzoni che ho sentito questa è qualla che più mi è piaciuta....ecco il video ed il testo....



"Il solito sesso", Max Gazzè
Ciao, sono quello che hai incontrato alla festa, ti ho chiamata solo per sentirti e basta… si, lo so, è passata appena un’ora, ma ascolta: c’è che la tua voce, chissà come, mi manca. Se in quello che hai detto ci credevi davvero,vorrei tanto che lo ripetessi di nuovo…dicono che gli occhi fanno un uomo sincero, allora zitta, non parlarmi nemmeno.
Posso rivederti già stasera? Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Perché, sai, non capita poi tanto spesso che il cuore mi rimbalzi così forte addosso, ed ho l’età che tutto sembra meno importante, ma tu mi piaci troppo e il resto conta niente.
Dillo al tuo compagno che ci ha visti stanotte: se vuole può venire qui a riempirmi di botte! Però sono sicuro che saranno carezze, se per avere te vicino almeno servisse.
Posso rivederti già stasera? Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Chiuderò la curva dell’arcobaleno per immaginarlo come la tua corona, e con la riga dell’orizzonte in cielo ci farò un bracciale di regina…ma se solo potessi un giorno vendere il mondo intero in cambio del tuo amore vero!
Sai, qualcosa tipo “cielo in una stanza” è quello che ho provato prima in tua presenza… dicono che gli angeli amano in silenzio, ed io nel tuo mi sono disperatamente perso. Sento che respiri piano in questa cornetta… maledetta, mi separa dalla tua bocca!
Posso rivederti già stasera? Ma tu non pensare male adesso:ancora il solito sesso!
Correrò veloce contro le valanghe per poi regalarti la fiamma del vulcano, respirerò dove l’abisso discende e avrai tutte le piogge nella tua mano… ma solo potessi un giorno vendere il mondo intero in cambio del tuo amore vero!
Ma tu non pensare male adesso: ancora il solito sesso!
Ora ti saluto, è tardi, vado a letto… Quello che dovevo dirti, io te l’ho detto.

11.3.08

Strade

Non c'è niente da fare, Strade è la mia canzone preferita, la sto ascoltando di continuo stasera.....è troppo bella.

Forse sta a pochi metri da me
Quello che cerco e vorrei trovare
La forza di fermarmi
Perchè sto già scappando mentre non riesco
A stringere più a fondo e ora che sto correndo
Vorrei che fossi con me
Che fossi qui
Sento a pochi metri da me
Quello che c'era e vorrei trovare
La forza di voltarmi
Perchè se stai svanendo io non ci riesco
A stringere più a fondo ora che sotto il mondo
Vorrei che tu fossi qui
Che fossi qui

9.3.08

Ancora lavoretti

Ecc0 qui altri lavoretti realizzati recentemente

La frase è tratta dagli extra del libro "New Moon".
twilight

Questo contiene un pezzo della mia canzone preferita: Strade dei Subsonica
Photobucket

Sailor Mercury

Ecco cosa ho realizzato per un contest su Sailor Mercury
Sailor Mercury

4.3.08

Sweeney Todd

La scorsa settimana, proprio martedì della scorsa settimana sono andata con Katy a vedere questo film. Non vedevo l'ora di andarci e una volta al cinema ho piacevolmente scoperto che era un musical. Praticamente un film perfetto: il musical è il genere che preferisco, c'era il mio attore preferito (il bellissimo e bravissimo Jhonny Depp) e c'era una attrice che mi piace molto (Helena Boham Carte).
La storia:Benjamin Barker è un uomo realizzato e smisuratamente felice. È un barbiere eccellente, un padre affettuoso e un marito devoto. Accusato e condannato ingiustamente dal giudice Turpin, Barker viene deportato lontano da Londra. Diversi anni dopo, mutato il nome in Sweeney Todd, il barbiere torna a chiedere soddisfazione all'uomo che gli ha "usurpato" la vita, insediando il suo talamo e crescendo la sua prole. Affittata una bottega in Fleet Street, Sweeney Todd affila i rasoi e torna ad esercitare la professione del barbiere. Turpin e gli ignari avventori scopriranno che la vendetta per Mr.Todd è un piatto da servire caldo, cotto e sfornato.

Un film strano, nel senso in alcuni punti è abbastanza macabro (per questo è V.M. 14 anni), ma nel contempo le scene macabre vengono sdrammatizzate e rese quasi comiche dal contesto. Ad esempio nel film a un certo punto si vede il protagonista che iniza ad uccidere i suoi clienti e nonostante si veda tanto sangue (si vede che è finto, ma non penso perchè il film è fatto male, penso che la cosa sia intenzionale) a un certo punto con Katy ci siamo dette ridendo "ammazzerà anche questo, ma quanti ne fa fuori?". Beh direi che abbiamo riso molto vedendo questo film, lo so sembra strano. Un film che consiglio, molto belle le musiche, veramente piacevole e scorrevole, lo consiglio anche a chi si impressiona facilmente, non fa così schivo e paura, direi che è un film macabro-comico, quindi alla fine non ci fai tanto caso. Se dovessi dargli un voto, sicuramente un 8 1/2, spero di riuscirlo a rivedere, mi è piaciuto molto, anche la fine, nonostante sia in un certo senso triste. Bravissima Helena Boham Carter e anche bella direi (anche se molto strana e particolare). Andate a vederlo!!!!!!!!!

28.2.08

Le intellettuali di Moliere

Venerdì sera sono stata a teatro, allo Sperimentale. C'era lo spettacolo "Le intellettuali" di Moliere. Mi è piaciuto moltissimo, ho riso molto e non è durato eccessivamente per fortuna.
La trama (naturalmente copiata).In una società dominata da borghesi, il privilegio del denaro unito allo snaturamento del senso comune producono una
categoria di persone che, trincerandosi dietro al nobile paravento della brama del sapere, mira unicamente alla conquista di un riconoscimento sociale. Nelle loro frasi, nei gesti ristagna una forma di risentimento mascherato da ridanciana disinvoltura per la quale tutto è lecito pur di ottenere successo in un contesto retto da una religione comoda. E la discussione sull’arte viene investita da una luce paradossale che sconvolge il pacifico esercizio delle relazioni sociali mettendo in discussione le sue stesse ragioni di esistere.
Uno spettacolo troppo carino che consiglio a tutti, sarà che mi piace troppo andare a teatro, l'avrei rivisto volentieri.

25.2.08

L'ultima risposta

Ecco una delle ultime canzoni che adoro. Questa penso sia la canzone più bella dell'ultimo album dei Subsonica, non riesco a smettere di ascoltarla e adesso è uscito anche il video.....

24.2.08

Lavori notturni....

Ecco freschi gli ultimi lavori che ho fatto...


In effetti questo è un po' troppo carico....non mi sono regolata, ma l'avrò rifatto 20 volte, mi ero stancata......
Photobucket

23.2.08

Regalo...

Sono di corsa al volo. Oggi con Elly ho fatto acquisti: mi sono comprata il deodorante della Chanel - Coco Mademoiselle perchè il profumo costava troppo.....ma è buonissimo lo stesso!!!! E' il mio regalo personale per la laurea (ancora non mi ero regalata niente).

20.2.08

Per S. Valentino

Ecco quello che avevo realizzato in occasione di giovedì 14 febbraio
AVATAR S, valentino

19.2.08

Eclipse di S. Meyer

Prima di finire l'aggiornamento con i festeggiamenti della laurea volevo parlare dell'ultimo libro letto. Eclipse è il terzo libro della trilogia (per ora) di Twiligh. Eclipse è il libro della scelta, il libro in cui la protagonista decide che direzione vuole prendere la sua vita (Jacob, l'amico licantropo o Edward, il vampiro che ama e che le ha chiesto di sposarla?). Un libro triste (non avevo pianto negli altri 2, in questo ho letto uno degli ultimi capitoli in lacrime), forse dei tre è quello che meno mi è piaciuto, sicuramente è il più ricco, nel senso che la storia non ruota solo intorno alla storia d'amore dei protagonisti, ma è arricchita da parecchio "movimento". L'ho finito di leggere la sera prima di laurearmi, l'ho fatto di proposito, mi ero posta come obiettivo finirli prima di laurearmi, un po' per scaramanzia, un po' perchè ho collegato questi tre libri alla mia laurea. Come gli altri un libro leggero e scorrevole, abbastanza lungo, decisamente lungo per i miei standard, ma scorre veloce. Ho impiegato più tempo rispetto agli altri a leggerlo principalmente perchè volevo che non finisse mai e quindi ho voluto leggerlo con calma, per farlo durare il più possibile, direi assaporarlo, ma non è il termine più adatto per il tipo di lettura.
Non vedo l'ora esca l'ultimo capitolo della saga (probabilmente a dicembre, mi toccherà patire parecchio). Nonostante tutto è un libro o meglio una serie che consiglio, molto piacevole, che fa sognare (è molto molto romantico).

16.2.08

108

108. Ecco il mio voto di laurea. Voto positivo, sono molto felice. Mi hanno chiesto se mi fosse venuto da piangere oggi. Ebbene si. Dopo che mi è stata consegnata la pergamena e proclamato il voto, una volta tornata a posto mentre mi stavo per mettere a piangere, di gioia. Ho avuto un flash, diciamo che in 1 minuti mi sono rivista passare davanti i miei 5 anni di università e ho visto quel voto che è perfetto perchè per me rappresenta un equilibrio.
Oggi è stata una bella giornata. Cosa porterò dietro di questa giornata? Mi ricorderò della mattinata al telefono con Laura, di quando le ho detto "ora ti lascio, è ora di prepararci, ci vediamo dopo", mi ricorderò della meraviglia e della gioia nel vedere le tante persone che erano lì per me, che erano venute a vedermi, è stata una cosa bellissima, veramente ho sentito che non ero sola, ricorderò di aver sentito la mia amica dire a una sua amica "oggi sono qui perchè la mia migliore amica si laurea" (il succo era questo), sono rimasta segnata (positivamente), affascinata (che parole bellissime). Ricorderò mia zia, che al telefono, dopo averle detto che avevo fatto, che avevo finito mi ha detto "Grazie", mi ricorderò della previsione (giusta) di Katy, mi ricorderò di aver chiamato Katia appena uscita dal parcheggio mentre ero ancora in auto, mi ricorderò che non ero sola, che lì insieme a me erano in tanti, venuti per me....è stato bellissimo......
Ero un po' fusa oggi e anche adesso, non so, mi sembra tutto così strano.........

15.2.08

Sailor Moon

Ecco qui un altro lavoretto fatto. Non è venuto come volevo (in realtà volevo glitterare il fiocco dietro, ma ho fatto un po' di casini, non ci sono riuscita e non avevo voglia di rifare il tutto, quindi l'ho lasciato così anche se non è il massimo).
moon

10.2.08

Lavori grafici

Metto anche qui un paio di lavoretti di grafica che ho fatto



Photobucket

Visto che l'ultima è troppo grande e non mi entra metto solo il link

8.2.08

Annuncio

Udite udite, il 15 febbraio, ore 14,30 mi laureo! L'aula è la B, la stessa della triennale (per fortuna). Speriamo vada tutto per il meglio. Speriamo soprattutto che la controrelatrice si comporti bene e mi faccia una domanda facile facile, speriamo di prendere un buono voto. La domenica 17 festeggiamo poi con Laura, aperitivo alle 19,00 circa (dobbiamo ancora stabilire qualche dettaglio, ma l'orientamento dovrebbe essere quello).

4.2.08

Undici minuti

L'altra sera ho finito di leggere Undici minuti il libro che Laura mi ha regalato per natale, il primo libro di Coelho che leggo. All'inizio la lettura è stata dura, pensavo di non riuscire a finirlo, ma ce l'ho fatta e mi è piaciuto molto. Ho pianto tantissimo leggendo questo libro, soprattutto all'inzio (ecco uno dei motivi per cui non pensavo di riuscirlo a finire, non mi sentivo pronta per un libro che mi facesse piangere) e nella parte finale, ho praticamente impiegato 10 minuti per leggere le ultime 2 pagine non riuscivo a smettere di piangere. L'altro motivo per cui all'inizio l'avevo catalogato come libro-difficile-da-leggere era che rivedevo nella protagonista della caratteristiche, a livello caratteriale, che mi appartenevano e che non amo particolarmente in me.

La storia: racconta la storia di Maria, una giovane ragazza brasiliana che si trasferisce da Rio de Janeiro in Europa, a Ginevra. Qui comincia a esercitare la prostituzione e, dagli incontri con i suoi clienti, sviluppa la sua particolare conoscenza del mondo. Sarà proprio uno di questi uomini, il pittore Ralf Hart, ad aprirle le porte di una nuova consapevolezza. (la trama l'ho copiata in parte da uno dei forum che frequento, non è farina del mio sacco)

Ora, nonostante il libro mi sia piaciuto non penso leggerò ancora qualcosa di Coelho, mi ha dato l'idea di un autore che si vuole mettere in cattedra, che con i suoi libri intende prima di tutto insegnare e non disegnare, perchè per me un autore deve disegnare una storia, dei personaggi in modo che ognuno possa poi trarre qualcosa di personale dal quel disegno, senza la pretesa di insegnare. L'autore nel libro parla di questa donna, e cerca di descrivere la sua anima, il suo corpo, il rapporto che questa ha con gli uomini. Ora leggendo si vede che certe cose sono scritte da un uomo: per quanto l'autore si sforzi di voler descrivere l'universo femminile con le sue sensazioni più intime non ci riesce pienamente ed in un paio di tratti mi sono detta "ma che razza di sensazioni descrive?".
Si legge bene come autore, ho avuto difficoltà solo in alcuni punti che ho dovuto rileggere. Il linguaggio del libro è esplicito, molto reale direi e questo è un bene.
Comunque un libro che consiglio di leggere, è stato un bel regalo di natale, devo proprio ringraziare Laura per avermelo regalato.

Ancora un altro passo...

Oggi ho portato la tesi a rilegare. Ho scelto una copertina verde, come la speranza, con le scritte argentate. Ero indecisa tra il rosso ed il verde, sul dunque ho pensato alla mia tesi e mi sono detta che non è una tesi "rossa" è più "verde". Ci siamo quasi, oggi escono le commissioni......

2.2.08

Ecco il mio primo lavoretto grafico

Acquisti

Oggi ho ordinato le bomboniere per la laurea! Sono enormi, pacchiane, esagerate, eccessive ma proprio per questo assolutamente bellissime. Oggi ho anche comprato il vestito anche quello fantastico: nero senza maniche, stretto sopra, con la gonna sopra il ginoccio larga e sotto esce il tulle nero. In vita una cinta bianca e sopra ci metto la giacca bianca. Troppo bello!

30.1.08

Felicità

Sono di fretta al lavoro, ma volevo assolutamente aggiornare il blog. Ieri, invece di tornare a pranzo a casa sono stata con Katy e abbiamo passato un bellissimo primo pomeriggio, sono tornata a casa proprio felice, anche perchè siamo andate da Terranova e ho fatto acquisti (strano ma vero). Ho comprato un vestito nero troppo carino, per i miei standard è un po' corto, ma mi piaceva troppo come mi stava, non ho saputo resistere. Abbiamo anche parlato dei regali della laurea (come al solito sono la solita materialista!). Ho già calcolato che: il mio capo, se mi farà il regalo, punterà sulla penna (e una basta e avanza), spero di non ricevere agende (che come al solito uso come diari invece che come agende per segnare i miei impegni), comunque in questi giorni sono ancora impegnata a pensare a rilegature, correzioni & co. non sono ancora nella fase bomboniere, vestito, regali, festa, sarebbero troppi pensieri, non vorrei mandare in tilt la parte ancora funzionante del mio cervello!!!!!

28.1.08

Giovedì voglio andare al cinema.

Dato che giovedì il cinema costa solo 3 € (promozione solo per donne) giovedì vorrei andare al cinema a vedere "Alvin superstar" spettacolo delle 22.30 ovviamente. Unico neo: con chi ci vado? Perchè al cinema da sola non ci vado neanche morta!!!! Ho disperatamente provato a buttarla là a mio fratello che come al solito mi ha risposto acidissimo (per chi dice che le donne sono acide allora non conosce mio fratello).

24.1.08

Oggi avrei.....

Oggi non so cosa avrei fatto alla prof. della tesi. Il 28 gennaio devo consegnare tutti i documenti, il 15 o 16 febbraio mi laureo e oggi 24 febbraio lei mi dice che devo rifare l'ultimo capitole, l'introduzione e le conclusioni perchè non vanno bene. Ora passi che rifaccio l'introduzione e le conclusioni ma quando mi ha detto che devo rifare il resto stavo quasi per svenire. Poi quando ho realizzato il tutto ero nera dalla rabbia. Per fortuna ho incontrato Francesco che ha sopportato il mio mega schlero, spero di non averlo scioccato, ma ero.....ancora mi devo riprendere....
Non continuo elencando le altre disavventure della giornata. Come ho detto a Kati "meglio che vado a casa e mi ci chiudo dentro onde evitare altri danni".
Ora apprendo che in questo momento è caduto il governo (non sto scherzando, sono serissima). Ciliegina sulla torna per questa "splendida" giornata (da notare il sarcasmo).

22.1.08

Neve

E' un libro che ho letto ben 2 volte per quanto mi è piaciuto. E' un libro molto piccolo, corto, ma denso, tanto denso. Così poche pagine sono state capaci di farmi ridere e piangere. E' un libro candido come la neve, ma allo stesso tempo caldo come fuoco. Tratta della storia di un giovane aspirante poeta che lungo il cammino (per diventare poeta) incontra il destino, l'amore, un pittore, la donna che aspettava.....
Come struttura narrativa è identico al "violino nero" ossia nella prima parte c'è la storia del protagonista, poi l'incontro rivelatore ed infine il destino che si compie. Meglio leggere prima "neve" e poi 2il violino nero", anche perchè Neve è stato scritto per primo, è il primo libro della trilogia. Vorrei mettere qualche frase di questo libro che mi ha preso il cuore, l'anima, ma sono al lavoro. Mi sono ritrovata a piangere mentre lo leggevo e non sapevo neanche io come era successo. Lo rileggerei altre 100 volte. Un libro bellissimo, da leggere.

20.1.08

Dopo il cinema....

Ieri sera, dopo il cinema, sono rimasta in macchina a parlare con Agnese. Beh proprio ci voleva, mi ha tirato proprio su, non è per qualcosa che mi ha detto in particolare, ma oggi mi sento decisamente più leggera ed ottimista (decisamente strano e non da me ultimamente). Ecco la conferma che non potrei vivere senza le mie amiche, non so come farei senza di loro. Può sembrare una banale sviolinata nei loro confronti, ma è così. Per me sono di vitale importanza, un sostegno, anche se non lo faccio vedere, anche se spesso sono assente. E' che, come dicevo l'altro giorno, non è sempre così facile manifestare quello che uno ha in testa, quello che io ho in testa e quello che provo.

15.1.08

2007/2008

Ci stavo pensando oggi, non ho ancora fatto un bilancio dell'anno appena passato. O almeno qui non l'ho fatto, in realtà un vero e proprio bilancio/resoconto non l'ho fatto. Meglio così, non riesco a pensarci, veramente meglio che non penso, in generale.
Ah, ho aggiunto un guestbook, non è il massimo, ma mi piaceva metterlo.
Leggi certe cose in giro che dici "Wow, non è possibile che certe cose siano vere".
Mi guardo indietro e mi chiedo come sono stata in grado di fare certe cose, una volta ho letto qualcosa in merito su un libro, magari lo ricerco.

14.1.08

Il violino nero (di M. Fermine)

Oggi ho ufficialmente finito di leggere questo libro. Si mi mancavano solo 2 paginette, che avevo proprio lasciato sospese, ma già davo per scontato averlo finito. E oggi leggendo proprio quelle ultime 2 pagine mi sono ricordata di quanti colpi di scena, emozioni possano contenere 2 piccole pagine.
Comunque, passando al libro, è un libro che parla di musica, di vita e d'amore. Protagonista un violinista Johannes, la cui aspirazione di vita è quella di mutare in musica la propria vita e scrivere una grande opera, salvato da una donna misteriosa che abita nei suoi sogni, aiutato da un anziano liutaio conosciuto nel suo soggiorno a Venezia.
E' difficile parlare di questo libro, perchè in realtà è un'insieme di emozioni, è carico di emozioni, carico di musica, di amore, di rischio, sofferenza, mi ha tolto il fiato. Ecco soprattutto nelle ultime pagine sono rimasta senza parole, e la storia del violino nero è tanto bella, piena di amore e passione quanto triste e terribile. Leggerlo è stato come una scarica elettrica, uno shock di emozioni, qualcosa di forte che è riuscito a risvegliare qualcosa nascosto in me.
Veramente un libro che mi ha affascinata. Penso che possa diventare uno dei miei preferiti.

13.1.08

Aspettando...

In questi giorni di delirio (ma immagino già almeno altre 2 settimane di fuoco, alla fine delle quali spero di arrivare sana di mente e non sclerata) sono anche riuscita a finire di leggere "Il violino nero" di M. Fermine, non so neanche io come ho fatto, dove ho trovato il tempo, anzi a pensarci bene, il tempo l'ho trovato di notte visto che prima delle 2 non vado a dormire. Nell'attesa di riuscire a scrivere qualche parola in più su questo libro, ne riporto un dialogo tra i protagonisti, che secondo me è veramente eccezzionale:
"Eppure io so come rendere interessante la tua vita"
"Ah sì? E come?"
"Andando a cercare la parte di sogno che ti spetta di diritto"
"E dov'è, questa parte di sogno?"
"Un po' dovunque nel mondo. Ma soprattutto dentro di te!"

Inconsolable

Quanto adoro questa canzone dei Backstreet Boys è bellissima

6.1.08

New Moon

Letto anche questo. Meno bello del primo (twilight), sicuramente un libro di collegamento, come un ponte, in cui vengono introdotti nuovi elementi che immagino si svilupperanno nel terzo libro della serie (l'amicizia con Jacob, personaggio positivo, anche lui un "diverso", il viaggio in Italia, la lontanza dei protagonisti e la presa di coscienza di cosa questa ha provocato in loro). Io non adoro i secondi capitoli (si tratti di libri di film, di solito non mi piaciono molto), questo mi è piaciuto, forse proprio perchè non è dinamico, le cose cambiano, i personaggi cambiano, viene concluso quanto iniziato nel primo libro e vengono poste le basi per il libro successivo, con nuovi elementi. Impressionante il cambiamento di Isabella: da spontanea, diviene più misurata, ma nello stesso tempo diviene più esuberante, "spericolata, da semplice diviene più complicata/sofisticata e la considero un personaggio positivo: è lei in fondo che salva Edward, che nonostante la lontananza da lui cerca di ricominciare a vivere, è lei che nonostante tutto è amica/innamorata di due "diversi". Per me non è la damigella che deve essere salvata, ovvero a prima vista sembra così, ma se leggiamo bene è lei quella normale, è lei la buona quindi è lei che deve salvare i "cattivi". Anche questo come tutti i libri non va letto superficialmente, bisogna leggere anche tra le righe, anche un libro così ci può dar spunti di riflessione, quello che fa tenuto ben chiaro è che si tratta di un libro di fantasia, non reale, come tutte le cose, va letto con testa.
E' un libro, se pur di passaggio, essenziale da leggere se si vuol concludere di leggere la serie.
(bellissima la copertina con questo tulipano, a mio avviso, la migliore delle 3)

Il libro dell'anno

Il mio libro 2012 è "Narciso e Boccadoro".......