21.11.12

GRIDA con tutta la forza che hai in corpo

Andare a Quinnipak, dormire a Quinnipak, fuggire a Quinnipak. Ogni tanto gli chiedevo "Dove sei stato, che tutti ti cercavano?". E lui diceva "Ho fatto un salto a Quinnipak". E' una specie di gioco. Serve quando hai lo schifo addosso, che proprio non c'è verso di togliertelo. Allora ti rannicchi da qualche parte, chiudi gli occhi, e inizi ad inventarti delle storie. Quel che ti viene. Ma lo devi fare bene. Con tutti i particolari. E quello che la gente dice, e i colori, e i suoni. Tutto. E lo schifo a poco a poco se ne va. Poi torna, è ovvio, ma intanto, per un po', l'hai fregato.

(castelli di rabbia di A. Baricco)

10.11.12

Londra 2012




4 foto di Londra per la mia amica Katia, con cui non mi faccio sentire da una vita, per mostrarle un pezzettino di 4 giorni del 2012 passati a Londra con mio fratello.
Ti voglio bene amica mia!

13.2.12

IL TEMPO

Un altro regalo che possiamo fare alle persone a cui vogliamo veramente bene è donare il nostro tempo.
E' una delle cose più preziose che abbiamo, ma a volte non ce ne rendiamo conto.
A volte dedichiamo il nostro tempo a persone così inutili........non dedicando abbastanza tempo a chi ci ama o a chi amiamo veramente, a cui vogliamo bene veramente.
E magari per lavoro, per gli impegni siamo li a trascurare amici, fratelli, affetti, conoscenti a cui siamo più o meno affezionati.
Così dovremo stupirci ed essere profondamente grate a quelle persone che ci donano un piccolo pezzo del loro tempo, il tempo è prezioso come l'oro, non perchè il tempo sia denaro, ma perchè il tempo è il dono più bello che possiamo fare alle persone a cui vogliamo bene.

IL PERDONO

Una dei regali più belli che possiamo fare ad una persona a cui vogliamo veramente bene è il perdono. Il perdono è una sorta di liberazione. Perdonare non vuol dire "non ti preoccupare, ho cancellato tutto quello che hai fatto/che è succcesso" ma perdonare vuol dire "non ti preoccupare, è tutto passato". Il che non significa che sia tutto dimenticato, significa che si è stati capaci di andare oltre, che siamo di nuovo in pace con l'altro perchè magari abbiamo saputo cogliere il meglio da ciò che è successo, perchè magari con il tempo abbiamo capito che il problema eravamo noi e non l'altro.
Perciò il perdono di un'amico/amica è il più bel regalo, il più bel gesto d'amore che possa mai ricevere, perchè il perdono mi libera (dal senso di colpa, dalla preoccupazione di aver fatto troppo del male).
Se poi magari parliamo di vecchi amici o conoscenti che a causa di un litigio non ci parlano più l'essere perdonati può riportarci a livello zero: se vengo perdonata non significa che automaticamente tutto tornerà come prima, magari perchè non lo vuole l'altro perchè oramai ha preso un'altra strada, magari perchè non lo voglio io, ma porterà comunque la pace tra le due perdone. Il perdono è un po' come la quiete dopo la tempesta.
Sarei disposta anche a riconoscere errori che penso di non aver commesso se ciò contribuisse a rimettere la pace tra me e gli altri, anche se ciò in parte è sbagliato perchè è giusto che ognuno si prenda le proprie responsabilità, le proprie colpe, i proprio onori.
E non dimentichiamo che chi è in grado di perdonare ha in mano una grande arma, può infatti ridare la pace all'altro a colui che chiede, desidera e brama il perdono.

8.1.12

Mare

Hai una cosa unica al mondo, una cosa che nessuno ha. Una cosa che era mia ma che ho deciso di affidarti, non regalarti.
Che non è l'anima, anche quella con un po' di escamotage nella vita di oggi si può ri-comprare. Che non è l'amore perchè anche quello non è unico.
Quello che hai è una conchiglia, portata dal mare, che nessuno ha perchè è come un essere umano: unico. E quell'oggetto portato dal mare, anzi no dall'oceano, che è anche mare, ha così tanto valore perchè racchiude in se una storia, la mia storia ed è così potente da farmi venire in mente emozioni, passato, presente, futuro, insomma la mia vita.
Per fortuna non sai come usarla, altrimenti (forse) sarei persa. Quell'oggetto però rappresente per me l'ago della bilancia: il giorno che capirai come usarlo, anche contro di me, allora mi avrai capita.

3.1.12

BUON ANNO

Buon 2012!
Io non mi sbaglierò tra 2011 e 2012
Perchè
il 2011 è stato un anno davvero faticoso
il 2011 è stato un anno unico
il 2011 è stato un anno di passaggio
Perchè
2012 è più bello da scrivere
2012 è più bello da pronunciare
2012: mi aspetto tanto da questo anno!

Il libro dell'anno

Il mio libro 2012 è "Narciso e Boccadoro".......