31.12.07


ny2008 Glitter Graphics From GlitterYourWay.com

Twilight

Ebbene ero convinta che mio fratello mi avesse regalato questo libro per natale, così non è stato così il 27 sono andata a comprarlo e in 2 giorni l'ho letto (veramente 3 perchè l'epilogo non l'ho voluto leggere subito). Avevo bisogno di leggemi un libro in 2 giorni, di provare a vedere se ne ero ancora capace. L'ho letto in 2 pomeriggi, sono rimasta sveglia fino alle 3 di notte per leggerlo, non è la prima volta che mi capita, lo so sono un po' fuori, ma io questo lo chiamo amore per la lettura, avevo bisogno di riscoprire tutto questo.
La trama
"Quando Isabella Swann decide di lasciare l'assolata Phoenix per la fredda e piovosa cittadina di Forks, dove vive suo padre, non immagina certo che la sua vita di teenager timida e introversa conoscerà presto una svolta improvvisa, eccitante e mortalmente pericolosa... Nella nuova scuola tutti la trattano con gentilezza, tutti tranne uno: il misterioso Edward Cullen. Edward non dà confidenza a nessuno. Ma c'è qualcosa in Bella che costringe Edward dapprima a cercare di stare lontano da lei e quindi ad avvicinarla. Tra i due inizia un'amicizia sospettosa che man mano si trasforma in un'attrazione potente, irresistibile. Fino al giorno in cui Edward rivela a Bella il suo segreto..."
Ora ho letto tanti commenti negativi come tanti commenti positivi su questo libro. In due parole c'è chi lo definisce un Harmony per adolescenti, c'è chi l'esalta come un libro stupendo, spettacolare ecc.
E per questo ero scettica sul comprarlo. Poi mi sono detta "provare e poi giudicare", tanto ho letto anche "Alice nel paese delle meraviglie" e ultimamente un libro di fiabe. E per carità non sarà "Orgoglio e pregiudizio" (ovvero non sarà un capolavoro letterario), ma è un bel libro, a me è piaciuto molto. Dopo tutto non si possono sembre leggere libri impegnati, seri, o almeno io non ce la faccio, ho bisogno di alternare, la lettura deve essere un piacere e poi ogni libro, se riusciamo a coglierlo in fondo, è capace di darci qualcosa di importante. E' leggero, scorrevole, piacevole, descrizioni ben fatte, molto "vere", riuscivo bene ad immaginare e vedere i posti dalle descrizioni e poi non erano descrizioni pesanti (tipo quelle del "signore degli anelli"). Poi va beh c'è la storia d'amore......sarà banale, sarà scontata, ma è bella. L'azione nel pezzo finale...molto carina. Sicuramente non è un libro per bambini, in libreria l'ho trovato tra la narrativa per ragazzi di 11/14 anni, sicuramente non è adatto a undicenni, sposterei il target un paio d'anni più su. Mi è piaciuto al punto da farmi comprare già il seguito (che ho iniziato a leggere invece di studiare).

30.12.07

Inevitabilmente




Passo queste mie giornate come sabbia nel deserto
hanno aperto una ferita in più
occasioni cancellate verso i margini del tempo
mentre il vento le trascina giù

Non danno pace, non hanno sguardi nè pietà
tra le voci di rimorsi e pentimenti
non danno più malinconia nell'impossibile regia
delle ipotesi senza un'età
Era la vita che avevo già immaginato ma
diversa nel finale
Ma non sarebbe stata certo normale
Mi regalavano bugie avare di sorrisi
e sentimenti già divisi e buttati via

Gli alibi che so a memoria e che non cambiano una storia
non si può tornare indietro mai
Sbagliati incontri guardando male dentro me
ma sono stata io l'incontro col destino
Così vicino alla realtà come una nave che non sa
navigare nel vento che c'è

Era la vita per me, era già scritta male in me
inevitabilmente
Soldato scelto nella guerra perdente
e le cattive compagnie non sono una scusante
le cicatrici sono tante e profonde

Ditemi come si fa ad imparare a decidere
pronti a sorridere a chi non ha voglia di noi

Era la vita che avevo già immaginato ma
diversa nel finale
ma non sarebbe stata certo normale

Era già nato tutto in me inevitabilmente
Soldato scelto nella guerra perdente
se c'è un futuro non sarà una moneta in corso
mi ci vorrebbe solo un sorso di umanità

(cantata da F. Mannoia)

28.12.07

Sulla lettura...

Dicevo a proposito del libro "vino e pane" che mi è stato regalato. Appunto dicevo fortuna che mi è stato regalato! Fortuna per 2 motivi: non avrei avuto l'opportunità di leggere un così bel libro, era un genere a me sconosciuto (anche se l'autore mi intrigava) ero un po' scettica, ma leggere qualcosa di nuovo è sempre positivo, poi, almeno per me, un libro è la miglior cosa che mi si possa regalare.
Per esempio quest'anno per natale mi è stato regalato un libro di Coelho di cui non ho mai letto niente, troppo popolare, troppo osannato, sono molto scettica quando sento troppi commenti positivi su un autore. Eppure sono sicura che lo leggerò: osare, sperimentare nuove letture è la cosa che mi riesce meglio.
A proposito di libri/autori troppo osannati ora sto leggendo proprio uno di quei libri osannati: Twilight. In realtà speravo (anzi ero sicura), aprendo il regalo di natale di mio fratello, di trovare questo libro. Non vi dico la delusione quando aprendo ho visto solo una borsa rossa, che si è bellissima, ma io mi aspettavo quel libro! Così ieri appena uscita dal lavoro sono andata a comperarmelo dopo mille ripensamenti. E già, ho letto tante di quelle recensioni che non sapevo più che fare, se comperarlo o no. Recensioni estreme. Ma alla fine ho ceduto (e ne parlerò nel prossimo post)....
Recensioni estreme. C'è chi l'hai definito un "Harmony" (per indicare che il libro è scadente, ma ho letto qualcosa di Harmony e ogni tanto nella vita ben vengano libri così, leggere sempre libri seri mi fa odiare la lettura), beh, mi sono detta, prima di giudicare se sia o meno un libro scadente bisogna leggerlo, così come non posso a priori dire che un libro, mettiamo Orgoglio e pregiudizio, sia stupendo. A proposito di "Orgoglio e pregiudizio" se non avessi visto il film non l'avrei mai letto. Perchè? Beh perchè il titolo non mi piaceva!
Mia grande pecca: non leggo molto autori italiani, si anche io sono spesso rapita dagli autori americani, ma mi rendo conto che tra scrittori europei ed americani c'è un abisso, c'è differenza nel modo di scrivere, di raccontare. Tra gli autori italiani letti c'è.....Silone, Salgari, Deledda, Maraini, Collodi....si, troppo pochi.
Cosa adoro fare quando leggo? sottolineare, i miei libri sono pieni di scarabocchi, sottolineature, "orecchie", pezzetti di carta che fungono da segnalibro......quanta bellezza! Ogni tanto mi piace riprendere in mano i libri letti e rileggere quei passi che mi hanno emozionata, che hanno lasciato un segno in me, che rispecchiano me, i miei sentimenti. Non ho mai riletto nessun libro più di una volta. I libri, dopo la musica penso siano la cosa che più riesce ad emozionarmi e stimolare la mia fantasia.....

Vino e pane

E' passato un anno da quando questo libro mi è stato regalato, e pochi giorni fa ho finito di leggerlo. Libro bello, anche questo diverso dal solito, mi accorgo che ultimamente sto sperimentanto, se così si può dire, nuovi libri, nuovi autori e soprattutto nuovi generi. Libro reale, libro vero e per questo estremamente affascinante. Libro che guarda in faccia la realtà, anche se non la realtà di oggi, libro che ti fa toccare con mano la realtà, quella realtà che in fondo rappresenta base della nostra realtà (io sono sempre dell'idea che per capire il futuro abbiamo bisogno del passato). Leggendolo mi ha tirato fuori sensazioni provate leggendo Jane Austen e Charles Dickens (Oliver Twist). Ora che c'entra Silone con la Austen e con Dickens? praticamente niente, ma in tutti e tre (in particolare in Silone ed in Dickens) vedo la realtà dei luoghi, dei comportamenti, vedo la semplicità nel narrare. Ora di che parla questo libro? Pietro Spina è il protagonista "benestante e privilegiato (studi in collegio). Malato e braccato dalla polizia, rientra nel proprio paese. Travestito da prete, cambia il proprio nome in don Paolo Spada. Presto Pietro entrerà in collisione anche col proprio partito, reo di imporre ai militanti la rinuncia allo spirito critico. Entra in crisi rispetto all'organizzazione di cui fa parte. Avverte l'impossibilità di conciliare le proprie convinzioni con quelle dell'organizzazione."Il romanzo si conclude con Pietro ormai smascherato e costretto a fuggire.....
Leggendo la trama il libro non attira proprio per niente, o almeno se io avessi letto la trama non avrei mai deciso di acquistarlo. Ma per fortuna mi è stato regalato. Fortuna per 2 motivi: non avrei avuto l'opportunità di leggere un così bel libro, e perchè un libro è la miglior cosa che mi si possa regalare.


(la parte tra " " è ripresa dal sito http://www.interruzioni.com/silone.htm)

26.12.07

Regali di natale

Quest'anno per natale ho ricevuto.......
Un ricettario pieno di ricette a base di cioccolato, il libro "undici minuti" di Paulo Coelho
una tisana con tazza allegata,
un'agendina con specchietto,
due confezioni di bottega verde, un paio di slip rossi, il cd di Fiorella Mannoia.........
mi sono dimenticata qualcosa?

Alvin Superstar

Prima di passare all'elenco dei regali natalizi devo assolutamente mettere un paio di cose....cosa? Il trailer del film "Alvin Superstar" tratto da un cartone animato (che adoravo) ....
Ecco il trailer in inglese

Qui invece è possibile vedere il trailer in italiano
e qui il sito, che è molto carino

24.12.07

BUON NATALE

Lavoretti natalizi

Finalmente posso pubblicare 2 degli ultimi lavori realizzati. Dico "finalmente" perchè questi lavori li ho realizzati come regalo natalizio per Katia, finalmente oggi le sono arrivati (li avevo spediti) quindi posso pubblicare le foto!!!!

Natale

Tra poco festeggieremo il natale.
Sabato a catechismo ho fatto fare un lavoretto ai miei ragazzi, un dono da portare ai propri genitori. Abbiamo fatto una specie di libricino rosso (metà foglio piegato in 2), come copertina un'immagine rappresentante la natività che loro hanno colorato (che poi è quella che nelle slide), dentro una frase del vangelo, seguita da un loro pensiero, inventato da loro rivolto ai genitori.
"E il verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi, e noi vedemmo la sua gloria..."
(Gv 1, 14)

19.12.07

Per il nuovo anno......

Per questo nuovo anno ho una lunga lista di libri che vorrei leggere:
- Neve di Maxence Fermine
- Twilight di Stephenie Meyer
- La tigre nel pozzo di Philip Pullman (che ho già)
- Amici miei, miei amori di Marc Levy
- qualcosa di Jane Austen, forse Ragione e sentimento,
- qualcosa di Pennac, ultimamente sento molto parlare di lui....

18.12.07

Ho finito di leggere.....

Ieri ho fatto un altro regalo, e siamo ufficialmente a -2, ovvero mi mancano solo 2 regali. Ieri ho anche comprato il calendario 2008, dato che avevo lo sconto da Feltrinelli, quest'anno il calendario l'ho comprato in tempo: di solito lo prendevo sempre a febbraio, perchè a febbraio mettono i calendari in saldo. Un calendario sulla danza, adesso mi sono fissata su questa cosa, che ci posso fare?Ieri sera ho anche finito di leggere uno dei due libri che stavo leggendo, ho finito "Le prigioni che abbiamo dentro" di Doris Lessing. Libricino piccolo, 90 pagine, questo libro contiene una serie di riflessioni dell'autrice sulla nostra società, o meglio sulla società del secolo appena trascorso, sui comportamenti umani. Tanti sono gli interrogativi che si pone questo trattato (come lo chiama l'autrice), forse è più un libro di domande che di risposte, un libro da cui ho tratto frasi, spunti interressanti, un libricino che contiene interrogativi che condivido, visioni del mondo che condivido, ma anche punti di vista che ritengo completamente sballati. Una delle frasi del libro, forse quella che mi ha colpito più di tutte, l'ho messa anche in firma (per ora) sul mio forum "La risata è qualcosa di molto potente e solo le persone civili, le persone libere ed emancipate, sanno ridere di se stesse".Per me è un libro fuori dagli schemi, nel senso che non sono abituata a leggere un libro che non sia un romanzo, che non abbia di fondo una storia, ma la Storia. Era da un po' che non leggevo questa autrice e sarà la traduzione, ma questo testo mi è sembrato molto scorrevole rispetto all'ultimo suo libro che avevo iniziato a leggere (Un matrimonio per bene). Ora devo assolutamente di finire di leggere "Vino e pane", primo perchè mi sono rimaste solo 50 pagine, e poi anche perchè ho già in mente altri 3 libri che voglio leggere, quindi bisogna che finisca al più presto questo.Oggi ho finito di leggere neve.....stupendo, l'ho già ricominciato, quanto ho pianto....appena rieso a concentrarmi un po' ne parlo meglio......

Apologize


Questa è una delle ultime canzoni che ho scoperto (grazie a mio fratello), oggi in più ho scoperto questo video con questa canzone.......praticamente stupendo!

Ho finito di leggere.....

Ieri ho fatto un altro regalo, e siamo ufficialmente a -2, ovvero mi mancano solo 2 regali. Ieri ho anche comprato il calendario 2008, dato che avevo lo sconto da Feltrinelli, quest'anno il calendario l'ho comprato in tempo: di solito lo prendevo sempre a febbraio, perchè a febbraio mettono i calendari in saldo. Un calendario sulla danza, adesso mi sono fissata su questa cosa, che ci posso fare?

Ieri sera ho anche finito di leggere uno dei due libri che stavo leggendo, ho finito "Le prigioni che abbiamo dentro" di Doris Lessing. Libricino piccolo, 90 pagine, questo libro contiene una serie di riflessioni dell'autrice sulla nostra società, o meglio sulla società del secolo appena trascorso, sui comportamenti umani. Tanti sono gli interrogativi che si pone questo trattato (come lo chiama l'autrice), forse è più un libro di domande che di risposte, un libro da cui ho tratto frasi, spunti interressanti, un libricino che contiene interrogativi che condivido, visioni del mondo che condivido, ma anche punti di vista che ritengo completamente sballati. Una delle frasi del libro, forse quella che mi ha colpito più di tutte, l'ho messa anche in firma (per ora) sul mio forum "La risata è qualcosa di molto potente e solo le persone civili, le persone libere ed emancipate, sanno ridere di se stesse".Per me è un libro fuori dagli schemi, nel senso che non sono abituata a leggere un libro che non sia un romanzo, che non abbia di fondo una storia, ma la Storia. Era da un po' che non leggevo questa autrice e sarà la traduzione, ma questo testo mi è sembrato molto scorrevole rispetto all'ultimo suo libro che avevo iniziato a leggere (Un matrimonio per bene). Ora devo assolutamente di finire di leggere "Vino e pane", primo perchè mi sono rimaste solo 50 pagine, e poi anche perchè ho già in mente altri 3 libri che voglio leggere, quindi bisogna che finisca al più presto questo.

16.12.07

Presepe

Questo è il risultato del mio pomeriggio domenicale (ovvero il presepe!!!!!!!!), non male, direi, anche se l'albero mi è venuto meglio. Nonostante di anni ne abbia 24 mi piace tantissimo fare il presepe, sembro davvero una bambina di 6 anni, ero al settimo cielo, mi ha aiutata a ritrovare un po' di serenità.

14.12.07


La risata è qualcosa di molto potente e solo le persone civili, le persone libere ed emancipate, sanno ridere di se stesse.
(D. Lessing "Le prigioni che abbiamo dentro")

Oggi il bicchiere è mezzo vuoto, ci sono giorni che va così...

10.12.07

Vincere Insieme

Finalmente sono riuscita a ritrovare questo film "vincere insieme" abbastanza vecchio, ha più di 10 anni. L'avevo visto in tv e mi aveva colpito, da quella volta non sono più riuscita a rivederlo, per lo più a quel tempo non so se avevo già il videoregistratore e quindi non ce l'avevo neanche registrato. Comunque ieri sera me lo sono rivisto......quanto mi piace questo film!

La musica nel cuore - August Rush

Sabato sera, invece di rimanere a casa a studiare, sono andata al cinema. Ho visto questo film, intitolato "la musica nel cuore - August Rush". Diciamo che mi aspettavo un film un po' diverso, comunque quello che conta è che mi sia piaciuto, è stato molto toccante (io ho pianto quasi tutto il film, troppa musica, troppa musica). La storia parla di questo ragazzino, che dopo aver passato 11 anni in orfanotrofio scappa lasciandosi condurre dalla musica alla ricerca dei suoi genitore, e grazie a questa (la musica) riesce a ritrovarli. Ci sono dei passaggi nel film completamente irreali: ad esempio una ragazzina insegna al piccolo protagonista il nome delle note e gliele fa vedere posizionate sul pentagramma; beh questo ragazzino in mezza giornata inizia a scrivere musica, con crome semicrome, pause ecc. Ora tutto ciò è impossibile, non sarò mai stato un genio di musica, ma so che è impossibile. Penso che comunque questi particolari non contino: il fine, il tema principale del film è un'altro, il tema del film è la musica, o meglio la forza, la bellezza, il mistero (perchè no) della musica. La trama non è il massimo, ma il film mi ha preso, ti tiene incollato alla sedia e ti chiedi "come andrà a finire?".
Da vedere.
(p.s. questa non è la locandina italiana del film, bensì quella originale e francamente i più rappresentativa del film rispetto a quella italiana)

7.12.07

Arriva il natale


Che bello oggi ho fatto i primi 2 regali natalizi!!!!! Quest'anno vorrei ricevere......troppe cose, meglio lasciar perdere, so che non vorrei profumi (ne ho troppi, tra quelli che ho comprato e quelli che già avevo a casa ne devo smaltire un bel po') eccezione il profumino di bottega verde quello allo zucchero filato o allo zucchero e ribes (tanto dopo natale sicuro ne compro uno dei due), che oltre ad essere bellissimi sono anche buoni o anche quello alla mandorla che ho visto alla Upim. Va beh, non vedo l'ora di poter aprire i regali, poi domani faccio l'albero ed il presepe......che bello!!!!!

Ho aggiunto....

Ho messo un nuovo link. Girando su internet ho trovato questo blog sulla mitologia greca e dato che io ho una predilezione particolare per la mitologia greca, per le storie, per i "personaggi" ho aggiunto questo link (forse più per me, avrei potuto metterlo tra i preferiti, ma ho troppe cose già inserite). Sulla mia predilezione per la mitologia greca. Non so perchè ma, come dicevo, la mitologia greca mi ha sempre affascianta e spesso mi ritrovo a rileggere i miti, in un paio di libri che ha mio padre. La dea che da sempre ho preferito è Atena, questa dea guerriera fuori dal comune, mi ha sempre affascinata. La seconda dea che più mi piace è Persefone, l'ho sempre vista come figura avvolta dal mistero.

6.12.07

Giovedì da paura...

Oggi vado dalla prof per farmi firmare i documenti della testi e che mi dice? ripassi la prossima settimana, tanto abbiamo tempo fino al 20. Non la sopporto più! Non mi piace il suo modo di fare! Certo che abbiamo tempo fino al 20, ma il 20 è l'ultimo giorno utile e io non voglio ridurmi all'ultimo giorno perchè se qualcosa va storto (metti che sto male o lei sta male e non può venire) io non mi laureo più a febbraio e devo ripagare le tasse e proprio non ho voglia di ripagare 1,000 euro di tasse perchè ho a che fare con un'insopportabile pignola, il paradosso è che l'ho scelta io, ma non mi rendevo conto a cosa andavo incontro. Dopo per riprendermi sono andata a spasso, proprio perchè la rabbia era troppa e avevo bisogno di farla passare. Sono andata alle poste, quelle del porto che sono le più efficienti e quelle in cui c'è il personale migliore della mia città, per alcune commissini, poi pranzo da Rosa, dato la nuova dieta ho preso la zuppa di verdure e orzo, non male, ma un po' triste a confronto di quei bellissimi piatti di riso al pesce! Poi ciliegina sulla torta sono andata da Feltrinelli e mi sono comprata un libro piccolo di Doris Lessing intitolato "le prigioni che abbiamo dentro". Ero tentata tra il libro che ho preso ed Damian di Hesse, poi ho preferito il primo perchè era cortissimo e perchè il secondo lo posso leggere con calma quando voglio. Ho iniziato a leggere questo libricino, bellissimo, lo voglio finire entro stasera o max domani. In questa giornata buia questo libro mi ha tirato su, mi ha rimesso l'allegria. Il mio pensiero e sostegno oggi va principalemente ad un'amica lontana ( solo materialmente) che aveva in programma un incontro importante. In più da ieri ho un contatto in più su msn, e sono proprio contenta per questo!

4.12.07

3.12.07

LEZIONI DI CIOCCOLATO

Film assoluttissimamente da andare a vedere. L'ho visto giovedì sera al cinema visto che il giovedì c'è lo sconto e le donne pagano solo 3 euro. La storia in breve. Un geometra (Luca Argentero) che aspira ad entrare nel grande giro dei costruttori edili si impegna a ristrutturare un casale di un ricco medico, conosciuto giocando a golf, ad un prezzo stracciato. Per rimanere nel budget opera una serie di scelte poco "sicure", come ad esempio non montare le impalcature per far salire gli operai sul tetto. Ed è così che un operaio (Hassani Shapi) cade dal tetto e viene portato all'ospedale. Essendosi fratturato le braccia e dovendo iniziare la settimana successiva un corso sulla cioccolata l'operaio ricatta il geometra(c 'è quindi l'inversione delle parti, dei ruoli, il geometra da ricattatore diventa ricattato): se non vuole essere denunciato dovrà prendere il suo posto al corso e conseguire l'attestato............il resto è da scoprire, tra equivoci, scambi di persona, amori, bugie e verità.
E' un film divertente che affronta o meglio critica alcuni comportamenti della nostra società come la corsa sfrenata al guadagno, la ricerca del successo ad ogni mezzo, la presunzione di riuscire a fare tutto con il denaro, la presunzione di essere migliori degli altri. Sono 2 ore di film che volano via veloci, tra una risata ed una riflessione seria. Eccezionale l'accoppiata Luca Argentero-Hassani Shapi, sono troppo forti insieme, mi è piaciuta molto anche Violante Placido, ma d'altronde è un'attice che non mi dispiace, quindi ero già ben disposta nei suoi confronti. Lo rivedrei volentieri un'altra volta.
Questo il sito ufficiale del film "lezioni di cioccolato"

La Mandragola

Ieri pomeriggio, invece, sono stata a teatro a vedere La Mandragola. In seconda galleria come al solito non si sentiva bene, aggiungeteci il fatto che il testo non è in italiano correinte bensì in volgare, era semplicissimo perdere qualche parola e non cabire bene il senso delle frasi; tanto che il primo atto sono stata sempre in tensione per cercare di non farmi sfuggire niente. Per fortuna il secondo tempo l'ho visto il prima galleria, infatti all'intervallo dato che sotto c'era posto mi sono trasferita lì, dove oltre vedere meglio si sentiva meglio e sono riusciata a gustarmi questo secondo atto. Beh la storia è quella che abbiamo studiato a scuola, scritta da Macchiavelli, una storia di intrighi ed inganni, di furbi e di allocchi. Il teatro era semi vuoto, ma lo spettacolo meritava di essere visto. Quest'anno devo dire, che la stagione teatrale è interessante, molto bella.

Il libro dell'anno

Il mio libro 2012 è "Narciso e Boccadoro".......