24.6.13

2012

L'anno in cui ho riletto OceanoMare, il mio libro preferito (nel 2012).
L'anno in cui (ahimè, molto ahimè) ho letto Fabio Volo e non mi piace, è deprimente.
L'anno in cui ho scoperto Fred Vargas ed Adamsberg, un amore che ancora continua.
L'anno in cui ho finalmente letto, dopo averlo tanto a lungo desiderato, Asimov e m'è piaciuto, ma lo sapevo, sin dall'inizio, sin prima di iniziare a leggerlo.
L'anno in cui ho letto Soffocare.......è difficile da spiegare....
L'anno in cui ho scoperto che "I love Shopping" non mi piace, è tutto uguale, alla lunga, ovvero dopo 100 pagine, stanca.
L'anno in cui ho finalmente letto "La straniera" che è quel bellissimo libro che tutti dicono. E fu così che mi persi sognando la Scozia (ma quest'anno ci vado in Scozia).
L'anno dei letti e riletti (Allende, Harri Potter, Chevalier, Corona, Némirovsky, Baricco).
L'anno di "Narciso e Boccadoro" il libro dell'anno, il libro del 2012.

Perchè leggere fa male, tra l'altro fa venire troppa voglia di viaggiare!

Bianca come il latte rossa come il sangue


Mi aggiro per le strade polverose di Roma, di Alessandria e di Bisanzio...., e in mezzo agli strepiti e alle urla della gente do fuoco a migliaia di libri. Mi sbarazzo di tutti quei sogni di carta e li trasformo in cenere. Li trasformo in fumo bianco.
Ecco la risposta. Incenerire i sogni. Bruciare i sogni è il segreto per abbattere definitivamente i propri nemici, perchè non trovino più la forza di rialzasi e ricominciare. non sognino le cose belle delle loro città, delle vite altrui, non osgnino i racconti di altri, così pieni di libertà e di amore. Non sognino più nulla. Se non permetti alle persone di sognare, le rendi schiave.
E io, saccheggiatore di città, adesso ho bisogno solo di schiavi, per reganre tranquillo e indisturbato. E così, non rimanga parola su parola. Ma solo bianca cenere dei sogni antichi. Questa è la distruzione più crudele: rubare i sogni alla gente. Lager pieni di uomini bruciati con i loro sogni. Nazisti ladri di sogni. Quando non hai sogni li rubi agli altri, perchè non li abbiano neanche loro. L'invidia ti brucia il cuore e quel fuoco divora tutto...

Non avevo capito niente di Diego De Silva

Mi debilitano, i faccia a faccia con me stesso. Specie quando ha ragione quell'altro.

La verità, la ragione per cui sono costretto a ripiegare su queste lagne-scialuppa, è che sto cercando di sottrarmi a una sensazione insopportabile...Come avessi recitato la commedia della virilità, quella, per capirci, di quanto ti opponi alle avances di una che ti pace e non ti piace, lasci che si spinga fino al punto in cui non può più tirarsi indietro e quando poi te la mette in faccia trovi una scusa ignobile e le dici che devi andare


Ricordate: in quanto a bassezza etica, noi avvocati abbiamo una reputazione parecchio specifica sul mercato, ma sopra ogni altra cosa, anche al più bieco degli interessi, siamo pettegoli. Più delle sciampiste, più dei portinai, più dei giornalisti, più dei culturisti, più dei professori universitari, più dei bidelli, più dei barbieri, più dei politici, più dei poeti rionali, più dei bagnini. Nominate un'altra categoria: di più.


Come non si sapesse chi ha successo e chi si arrangia. Come ci fosse bisogno di assumere un detective per sapere che non faccio un cazzo. Siamo in tanti, ecco come mi consolo quando mi prende lo sconforto. Siamo i nuovi poveri occulti. Quelli che non lo diranno mai. Siamo annichiliti dalla dignità. In nome suo ci roviniamo la vita. Provateci pure, se avete tempo da perdere: non troverete mai un avvocato, o un qualsiasi altro professionista disperato che annaspa nella saturazione del mercato contemporaneo, disposto a dirvi: " Guadagno meno di una cameriera, se non fosse per la mia famiglia dovrei chiudere lo studio domani mattina, però vado in giro in giacca e cravatta e faccio finta di niente". Non c'è verso. Nessuno di noi sputerà mai il rospo. Siamo una maggioranza reticente. Non abbiamo sindacato nè rivendicazioni. Non siamo pericolosi. Viviamo nell'imbarazzo e nel senso di colpa. Non facciamo altro che aumentare.


E poi c’è l’ultimo sintomo, il peggiore, dove la dignità è talmente bistrattata che la possibilità di risalire è proprio meglio che te la levi dalla testa, ed è la dipendenza dall’umore di qualcun altro.
Questo fenomeno attiene alla fase in cui il rapporto si sta sgarrupando (tu hai già smesso di respirare a pieni polmoni, andare in libreria ecc.) e lei non è più così sicura di volerti intorno, anzi è più di là che di qua, per cui ci sono volte che è affettuosa e altre che ti tratta di merda.
La verità (che tu conosci perfettamente) è che hai smesso di interessarle, anzi a essere completamente sinceri le sei salito proprio un pochettino sul cazzo, soloche ogni tanto si sente un po’ in colpa e allora, colta da transitori accessi di pena, ridiventa gentile e dispiaciuta e tu, che pendi vergognosamente dalle sue labbra, appena senti odore di rivalutazione scodinzoli come un fox-terrier e te la canti come vuoi con tutta l’orchestra.
Inutile dire che a questo punto la tua storia d’amore ha già una croce sopra, perchè poi, alla fine, lo sai che quando una donna ti vuole ti cerca, e quando smette di cercarti è perchè non ti vuole più, e non ci sarebbe proprio nient’altro da aggiungere.
Tu invece ti trascini in questa specie di metadone dei sentimenti nella speraza he le cose s’aggiustino, ma per questo genere di guasto non c’è cura e non c’è riparazione e, a parte le chiacchiere, non si è mai dato il caso, ma mai, che nessuno abbia riparato niente del genere, prova a chiedere in giro.
Questo dipendere dall’umore di un altro, questo fatto che se lei è gentile tu riesci ad arrivare vivo alla fine della giornata e se invece ti tratta con indifferenza sei un uomo distrutto e non riesci a combinare niente e accumuli lavoro e altri debiti di vario genere è veramente una porcheria, un’ignominia di cui non ci si dovrebbe mai macchiare per nessuna ragione al mondo.
E la faccenda più penosa è che a questo punto l’amore è bello che finito (cosa vuoi amare, con una dignità così ridotta), eppure tu è ancora d’amore che parli. Sei diventato l’equivalente di un fan di Elvis, un disadattato incapace di vivere nel presente che nel vestirsi, nel parlare, nel sentire musica, nel leggere, nello scrivere, perfino nell’andare a letto con qualcuno cerca una cosa che ha smesso di esistere, tutto qui.

29.1.13

Senza sangue.

Allora pensò che per quanto la vita sia incomprensibile, probabilmente noi la attraversiamo con l'unico desiderio di ritornare all'inferno che ci ha generati, e di abitarvi a fianco di chi, una volta, da quell'inferno, ci ha salvato. Provò a chiedersi da dove venisse quell'assurda fedeltà all'orrore, ma scoprì di non avere risposte. Capiva solo che nulla è più forte di quell'istinto a tornare dove ci hanno spezzato, e a replicare quell'istante per anni. Solo pensando che chi ci ha salvati una volta lo possa poi fare per sempre. In un lungo inferno identico a quello da cui veniamo. Ma d'improvviso clemente. E senza sangue.
(Senza Sangue di A. Baricco).
......
Quanto ho pianto leggendo questo pezzettino!

21.11.12

GRIDA con tutta la forza che hai in corpo

Andare a Quinnipak, dormire a Quinnipak, fuggire a Quinnipak. Ogni tanto gli chiedevo "Dove sei stato, che tutti ti cercavano?". E lui diceva "Ho fatto un salto a Quinnipak". E' una specie di gioco. Serve quando hai lo schifo addosso, che proprio non c'è verso di togliertelo. Allora ti rannicchi da qualche parte, chiudi gli occhi, e inizi ad inventarti delle storie. Quel che ti viene. Ma lo devi fare bene. Con tutti i particolari. E quello che la gente dice, e i colori, e i suoni. Tutto. E lo schifo a poco a poco se ne va. Poi torna, è ovvio, ma intanto, per un po', l'hai fregato.

(castelli di rabbia di A. Baricco)

10.11.12

Londra 2012




4 foto di Londra per la mia amica Katia, con cui non mi faccio sentire da una vita, per mostrarle un pezzettino di 4 giorni del 2012 passati a Londra con mio fratello.
Ti voglio bene amica mia!

13.2.12

IL TEMPO

Un altro regalo che possiamo fare alle persone a cui vogliamo veramente bene è donare il nostro tempo.
E' una delle cose più preziose che abbiamo, ma a volte non ce ne rendiamo conto.
A volte dedichiamo il nostro tempo a persone così inutili........non dedicando abbastanza tempo a chi ci ama o a chi amiamo veramente, a cui vogliamo bene veramente.
E magari per lavoro, per gli impegni siamo li a trascurare amici, fratelli, affetti, conoscenti a cui siamo più o meno affezionati.
Così dovremo stupirci ed essere profondamente grate a quelle persone che ci donano un piccolo pezzo del loro tempo, il tempo è prezioso come l'oro, non perchè il tempo sia denaro, ma perchè il tempo è il dono più bello che possiamo fare alle persone a cui vogliamo bene.

IL PERDONO

Una dei regali più belli che possiamo fare ad una persona a cui vogliamo veramente bene è il perdono. Il perdono è una sorta di liberazione. Perdonare non vuol dire "non ti preoccupare, ho cancellato tutto quello che hai fatto/che è succcesso" ma perdonare vuol dire "non ti preoccupare, è tutto passato". Il che non significa che sia tutto dimenticato, significa che si è stati capaci di andare oltre, che siamo di nuovo in pace con l'altro perchè magari abbiamo saputo cogliere il meglio da ciò che è successo, perchè magari con il tempo abbiamo capito che il problema eravamo noi e non l'altro.
Perciò il perdono di un'amico/amica è il più bel regalo, il più bel gesto d'amore che possa mai ricevere, perchè il perdono mi libera (dal senso di colpa, dalla preoccupazione di aver fatto troppo del male).
Se poi magari parliamo di vecchi amici o conoscenti che a causa di un litigio non ci parlano più l'essere perdonati può riportarci a livello zero: se vengo perdonata non significa che automaticamente tutto tornerà come prima, magari perchè non lo vuole l'altro perchè oramai ha preso un'altra strada, magari perchè non lo voglio io, ma porterà comunque la pace tra le due perdone. Il perdono è un po' come la quiete dopo la tempesta.
Sarei disposta anche a riconoscere errori che penso di non aver commesso se ciò contribuisse a rimettere la pace tra me e gli altri, anche se ciò in parte è sbagliato perchè è giusto che ognuno si prenda le proprie responsabilità, le proprie colpe, i proprio onori.
E non dimentichiamo che chi è in grado di perdonare ha in mano una grande arma, può infatti ridare la pace all'altro a colui che chiede, desidera e brama il perdono.

8.1.12

Mare

Hai una cosa unica al mondo, una cosa che nessuno ha. Una cosa che era mia ma che ho deciso di affidarti, non regalarti.
Che non è l'anima, anche quella con un po' di escamotage nella vita di oggi si può ri-comprare. Che non è l'amore perchè anche quello non è unico.
Quello che hai è una conchiglia, portata dal mare, che nessuno ha perchè è come un essere umano: unico. E quell'oggetto portato dal mare, anzi no dall'oceano, che è anche mare, ha così tanto valore perchè racchiude in se una storia, la mia storia ed è così potente da farmi venire in mente emozioni, passato, presente, futuro, insomma la mia vita.
Per fortuna non sai come usarla, altrimenti (forse) sarei persa. Quell'oggetto però rappresente per me l'ago della bilancia: il giorno che capirai come usarlo, anche contro di me, allora mi avrai capita.

Il libro dell'anno

Il mio libro 2012 è "Narciso e Boccadoro".......