7.5.07

shakespeare

Ebbene è questa l’inumana legge dell’amore.
L’amore è una nebbia formata con vapore di sospiri: se la nebbia si dissipa,
l’amore è un fuoco che sfavilla negli occhi degli amanti;
se vien tagliato, l’amore si risolve in un mare alimentato dalle lacrime degli amanti.
Che cos’altro è l’amore, se non una pazzia molto discreta, una amarezza che soffoca, e
una dolcezza che fa bene?

Essa è troppo bella, per guadagnarsi la beatitudine celeste facendo disperare me;
ha fatto voto di non amare, e quel voto lasciandomi vivere uccide me che vivo per dirti ora questo.
Chi è colpito da cecità non può dimenticare il prezioso tesoro della vista perduta. Mostrami una donna di straordinaria bellezza: che cosa sarà per me questa sua bellezza, se non una pagina, dove io leggerò il
nome di colei che è ancora più straordinariamente bella?

Mille volte cattiva notte, invece, poiché mi manca la tua luce.
La vita non è che un’ombra che cammina; un povero commediante che si
pavoneggia e si agita, sulla scena del mondo, per la sua ora, e poi non
se ne parla più.
A piccoli passi, ogni domani striscia via fino all’ultima sillaba del
tempo prescritto.

Ma se le parole gentili e appassionate non riescono a indurvi a più
soavi modi, vi corteggerò, a fil di spada, e vi amerò contro natura
d’amore.
La tua virtù è la mia sicurezza. E allora non è notte se ti guardo in
volto, e perciò non mi par di andar nel buio, e nel bosco non manco
compagnia perché per me tu sei l’intero mondo. E come posso dire
d’esser sola se tutto il mondo è qui che mi contempla?

Chi sei tu, che nel buio della notte osi inciampare nei miei più
profondi pensieri?
Rinuncia al tuo potere di attrarmi e io perderò la volontà di seguirti.
Amore guarda non con gli occhi ma con l’anima.

La ricchezza del mio cuore è infinita come il mare, così profondo il
mio amore: più te ne do, più ne ho, perché entrambi sono infiniti.
Ride delle cicatrici d’amore colui che non ha mai provato una ferita.
Quando non sarai più parte di me ritaglierò dal tuo ricordo tante
piccole stelline, allora il cielo sarà così bello che tutto il mondo si
innamorerà della notte.

Nulla è bene o male, se non si pensa di fare bene o male.
La fortuna guida dentro il porto anche navi senza pilota.
Se tutto l’anno ci fosse vacanza, divertirsi sarebbe tedioso come lavorare.
Finchè possiamo dire: Quest’è il peggio, vuol dire che il peggio può ancora venire.
Ama tutti, fidati di pochi, non fare torto a nessuno.

Il saggio sa di essere stupido, è lo stupido invece che crede di essere saggio.
Il dubbio di qualcosa di brutto molte volte è più angoscioso di una certezza.
Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non può comprendere.
Quando si nasce si piange perchè ci si ritrova in questo palcoscenico di matti.
L’amante, il pazzo ed il poeta hanno la stessa fantasia.
Oh! è eccellente avere la forza d’un gigante, ma è tirannico usarla come un gigante.

L’amore è uno spirito non d’altro composto che di fuoco, non così denso da affondare,
ma così leggero da aspirare a innalzarsi.
Sei tu la parte migliore di me stesso, il limpido specchio dei miei occhi, il profondo del cuore,
il nutrimento, la fortuna, l’oggetto di ogni mia speranza, il solo cielo della mia terra,
il paradiso cui aspiro.
Quando si è saggi vuol dire che non si ama, perché essere saggi e amare supera l’umana possibilità,
è cosa per gli dei lassù.

Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire
quando l’altro s’allontana. Oh no! Amore è un faro sempre fisso che
sovrasta la tempesta e non vacilla mai; Amore non muta in poche ore o
settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio; se
questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha
mai amato.

l’amore è un fumo che nasce dalla nebbia dei sospiri;
se purificato, è un fuoco, che guizza negli occhi degli amanti
se agitato, è un mare che si nutre delle loro lacrime…
ma che altro può essere?
pazzia discreta,
soffocante amarezza e dolcezza che alla fine ti salva.

La ragazza più schiva è troppo prodiga già se svela la sua beltà alla luna.
Presta l´orecchio a tutti, la tua voce a qualcuno, senti le idee di tutti ma pensa a modo tuo.
Una goccia di male spesso annerisce tutto ciò che è nobile
La vera grandezza non è nell’aspettare grandi cause per muoversi, ma
nel trovare degno motivo di contesa in un fuscello quando è in gioco l´onore.

William Shakespeare

Nessun commento:

Il libro dell'anno

Il mio libro 2012 è "Narciso e Boccadoro".......